Concorso pubblico per n. 3 posti a tempo pieno e indeterminato di educatori coordinatori per le scuole dell’infanzia

Versione stampabileVersione PDF

Data di pubblicazione: 

26/03/2024

Data di Scadenza: 

26/04/2024

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 3 POSTI, A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI EDUCATORI COORDINATORI (AREA DEI FUNZIONARI E DELL’ELEVATA QUALIFICAZIONE) PER LE SCUOLE DELL’INFANZIA 
di cui n. 1 posto prioritariamente riservato ai volontari delle Forze Armate, ai sensi del D.Lgs. 66/2010

IL DIRIGENTE DEL SETTORE RISORSE UMANE

In esecuzione della determinazione dirigenziale n. 462 del 22 marzo 2024 “Indizione del concorso pubblico, per esami, per la copertura di n 3 posti, a tempo pieno ed indeterminato, di Educatori Coordinatori (area dei Funzionari e dell’Elevata Qualificazione) per le scuole dell’infanzia”.

Richiamata la deliberazione di Giunta Comunale n. 24 del 16 febbraio 2024, di approvazione del Piano Integrato di Attività e Organizzazione (PIAO) 2024/2026, comprendente il Piano triennale del Fabbisogno di Personale;

richiamati, altresì:

  • il D.Lgs. 11 aprile 2006 n. 198 “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna”;
  • il D.P.R. 9 maggio 1994 n. 487;
  • il D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267;
  • il D.Lgs. 30 marzo 2001 n. 165;
  • il vigente C.C.N.L. dei dipendenti del comparto Funzioni Locali;
  • il Regolamento per la disciplina dei concorsi dell’accesso agli impieghi e delle procedure selettive vigente presso il Comune di Cremona;
  • la deliberazione di Giunta Comunale n. 30 del 15 febbraio 2023 “Determinazione del contributo di partecipazione ai concorsi pubblici”;

rende noto

che è indetto concorso pubblico, per esami, per la copertura di n. 3 posti di Educatori Coordinatori (area dei Funzionari e dell’Elevata Qualificazione), a tempo pieno ed indeterminato per le scuole dell’infanzia.

Ai sensi del D.Lgs 66/2010, art. 1014, comma 1, lettera b) e comma 3, nonché art. 678, comma 9, n. 1 posto è prioritariamente riservato ai volontari delle Forze Armate (nel caso non vi siano candidati idonei appartenenti ad anzidetta categoria il posto sarà assegnato ad altri candidati utilmente collocati in graduatoria).

L'espletamento del concorso di cui al presente bando è subordinato all'esito negativo della procedura di cui all'art. 34 bis del D.Lgs. 165/2001 in materia di personale in disponibilità.

Ai sensi di quanto stabilito dall’art. 6, del DPR n. 487/1994, modificato dal DPR n. 82/2013, si evidenzia che alla data del 31 dicembre 2023 la percentuale delle donne, inquadrate nell’area dei Funzionari e dell’Elevata Qualificazione, era pari al 68%, quella degli uomini era pari al 32%.

1. REQUISITI PER L'AMMISSIONE AL CONCORSO

Il candidato deve:

  1. Avere cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell'Unione Europea o cittadinanza di Paesi terzi, secondo i contenuti dell’art. 38 del D.Lgs. 165/2001, modificato dall’art. 7 della legge 97/2013 (per i cittadini non italiani è richiesto il possesso dei requisiti previsti dall’art. 3 del DPCM 7 febbraio 1994 n. 174 ovvero: a) godere dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o provenienza; b) essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica; c) avere adeguata conoscenza della lingua italiana);
  2. maggiore età;
  3. non essere escluso dall'elettorato politico attivo;
  4. non aver riportato condanne penali e non aver procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi della legislazione vigente in materia, la costituzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione;
  5. non essere stato destituito o dispensato ovvero licenziato dall' impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero essere stato dichiarato decaduto da un impiego pubblico a seguito dell’accertamento che lo stesso fu conseguito mediante la produzione di documenti falsi o con mezzi fraudolenti;
  6. idoneità psico-fisica all’impiego ed alle mansioni proprie del profilo professionale riferito al posto da ricoprire;
  7. essere in regola nei confronti degli obblighi militari (solo per i candidati soggetti all’obbligo);
  8. Essere in possesso di uno dei seguenti titoli:
    • laurea in Scienze della Formazione Primaria – indirizzo scuola dell’infanzia (titolo abilitante all’insegnamento ai sensi dell’art. 6 del D.L. 137/2008 convertito in Legge 169/2008);
    • laurea in scienze della formazione primaria a ciclo unico quinquennale (classe LM 85 bis);

    Oppure uno dei seguenti titoli di studio conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002:

    • diploma di Abilitazione all’insegnamento nelle scuole di grado preparatorio (rilasciato da Scuole magistrali legalmente riconosciute o paritarie), conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002 (è ammesso anche il titolo conseguito a conclusione di corso sperimentale progetto “Egeria”, sperimentazione avviata dal 1988/1989, con D.M. del 08/08/1988) in quanto comprensivo dell’abilitazione all’insegnamento nelle scuole di grado preparatorio);
    • diploma quadriennale di Istituto Magistrale, conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002;
    • diploma di Liceo socio-psico-pedagogico conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002

    ovvero

    altro titolo equipollente a quelli sopra indicati. In questo caso il candidato dovrà indicare l’esatto riferimento al decreto/norma che stabilisce l’equipollenza.

    Per i titoli di studio conseguiti all’estero è richiesta la dichiarazione di equivalenza da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Funzione Pubblica ai sensi della vigente normativa in materia (art. 38, comma 3, del D. Lgs. n. 165/2001).

I requisiti prescritti devono essere posseduti sia alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione della domanda sia all’atto della sottoscrizione del contratto di lavoro.

L’Amministrazione potrà disporre in ogni momento, con atto motivato, l’esclusione dal concorso per difetto dei requisiti prescritti. Il difetto dei requisiti prescritti per l’ammissione al concorso, accertato successivamente alla selezione, costituisce causa di risoluzione del rapporto di lavoro, ove instaurato.

Ai sensi dell’art. 9 del Regolamento Comunale per la disciplina dei concorsi, dell’accesso agli impieghi e delle procedure selettive, l’ammissione sarà disposta dal Dirigente del Settore Risorse Umane.

Per la partecipazione al concorso è necessario effettuare, pena l'esclusione, il pagamento di euro 10,00 mediante il sistema PagoPA, raggiungibile al seguente link https://secure.icatributi.it/apiV1/portale/?ent=MTEyOTI (scegliere poi PAGAMENTO SPONTANEO e successivamente selezionare "Tassa Concorsi" dal menu a tendina).

Dovrà essere indicata la seguente causale di versamento “partecipazione al concorso pubblico per n. 3 posti di Educatori Coordinatori per le scuole dell’infanzia presso il Comune di Cremona”. La ricevuta del versamento dovrà essere allegata alla domanda telematica di partecipazione al concorso.

2. TITOLI DI PREFERENZA

A parità di merito i titoli di preferenza sono quelli elencati all’art. 5, del DPR 487/1994 e successive modifiche ed integrazioni.

3. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO, TERMINI DI PRESENTAZIONE E TRATTAMENTO DEI DATI

Per essere ammessi al concorso gli aspiranti dovranno inviare la domanda di partecipazione esclusivamente per via telematica attraverso la “PIATTAFORMA UNICA DI RECLUTAMENTO” (https://www.inpa.gov.it/).

La domanda potrà essere inserita sul portale a decorrere dal giorno 26 marzo 2024

Il candidato, previa autenticazione attraverso i sistemi SpID, CIE, CSN, eIDAS dovrà compilare il modulo elettronico sul sistema InPA, raggiungibile dalla rete internet “https://www.inpa.gov.it” previa registrazione sullo stesso sistema.

La registrazione, la compilazione e l'invio on line della domanda dovranno essere completati entro il giorno 26 aprile 2024

La data di presentazione on line della domanda di partecipazione al concorso è certificata e comprovata da apposita ricevuta elettronica rilasciata dal sistema al termine della procedura di invio.

E’ possibile per il candidato modificare o integrare la domanda fino alla data di scadenza del bando, anche se già precedentemente inviato; in tal caso sarà presa in considerazione esclusivamente l’ultima domanda presentata in ordine di tempo.

In caso di malfunzionamento, parziale o totale della piattaforma digitale, accertato dall’amministrazione che bandisce il concorso, che impedisca l’utilizzazione della stessa per la presentazione della domanda di partecipazione o dei relativi allegati, è prevista una proroga del termine di scadenza per la presentazione della domanda corrispondente a quello della durata del malfunzionamento. In tale caso l’amministrazione pubblicherà sul sito istituzionale e sul Portale Unico del reclutamento un avviso dell’accertato malfunzionamento e del corrispondente periodo di proroga del termine a questo correlato.

Nel modulo di presentazione della domanda di partecipazione il candidato, consapevole delle sanzioni penali di cui all’art. 76 del DPR 445/2000 in caso di dichiarazioni mendaci, dovrà dichiarare, sotto la propria responsabilità ed a titolo di autocertificazione, oltre alle generalità (cognome, nome, data di nascita, indirizzo email e contatto telefonico), quanto segue:

a. di essere cittadino italiano o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o cittadino di paesi terzi secondo i contenuti dell’art. 38 del Dlgs 165/01 e sm. (vedi sezione “requisiti”-punto1 -del bando di concorso) ;

b. di possedere età non inferiore ad anni 18;

c. di essere iscritto nelle liste elettorali del Comune di ____________________ (oppure: di non essere iscritto/di essere stato cancellato dalle liste elettorali del Comune di______________per il seguente motivo___________________);

d. di non aver riportato condanne penali e di non aver procedimenti penali in corso che impediscano la costituzione del rapporto d’impiego con la pubblica amministrazione (ovvero di aver riportato le seguenti condanne o di avere in corso i seguenti procedimenti penali);

e. di non aver prestato servizi presso Pubbliche Amministrazioni risolti per destituzione o dispensa per persistente insufficiente rendimento ovvero essere stato dichiarato decaduto da un impiego pubblico;

f. Idoneità psico-fisica all’impiego ed alle mansioni proprie del profilo professionale riferito al posto da ricoprire;

g. posizione regolare nei confronti degli obblighi militari (solo per i candidati soggetti all’obbligo);

h. di essere in possesso del titolo di studio richiesto (precisare il titolo di studio posseduto, l’anno di conseguimento e dell’Ente che lo ha rilasciato);

i. di accettare senza riserve le condizioni previste dall’avviso di selezione nonché dal Regolamento comunale in materia di personale e di accesso al pubblico impiego vigenti al momento dell’assunzione e di quelli futuri.

j. PER I SOLI AVENTI DIRITTO ALLA RISERVA D.Lgs. 66/2010: di aver diritto alla riserva a favore dei Volontari delle Forze Armate, ai sensi del D.Lgs. 66/2017 (dichiarazione solo per coloro che rientrano in detta fattispecie);

k. PER I SOGGETTI CON DSA

Il candidato/la candidata con DSA dovrà dichiarare, nella domanda di partecipazione, di essere nella condizione di cui all'art. 3, comma 4 bis, del decreto legge 9 giugno 2021 n. 80 e di richiedere la misura (da documentare con dichiarazione resa dalla commissione medico legale dell'ASL di riferimento o da equivalente struttura pubblica) fra quelle di seguito riportate:

  1. prova sostitutiva (sostituire la prova scritta con un colloquio);
  2. strumento compensativo (per le difficoltà di lettura, di scrittura e di calcolo);
  3. prolungamento del tempo stabilito per la prova scritta.

l. PER I SOGGETTI CON DISABILITÀ:

  • di essere affetto da invalidità pari al _____% (indicare la percentuale);

  • di trovarsi nella condizione di cui all'art. 20 della legge 104/1992 e richiedere il seguente ausilio necessario in relazione al proprio handicap:________________(il candidato/la candidata dovrà richiedere, in funzione della propria necessità documentata ed esplicitata con apposita dichiarazione resa dalla commissione medico-legale dell'ASL di riferimento o da equivalente struttura pubblica, di quale misura dispensativa, strumento compensativo e/o tempi aggiuntivi necessita - da richiedere nello spazio disponibile nell'apposita sezione della domanda on line-. La documentazione dovrà essere caricata sul portale InPA durante la fase di inoltro della candidatura (caricamento documenti in formato pdf).

m. Di essere in possesso dei titoli di preferenza, a parità di merito, previsti dall'art. 5 del DPR 487/94 (specificare il titolo posseduto).

n. di autorizzare il trattamento dei dati personali per finalità connesse e strumentali alla procedura selettiva.

o. Di aver preso visione della informativa (allegato A) in base alla quale, secondo la normativa vigente in materia, l’Amministrazione Comunale si impegna a rispettare il carattere riservato delle informazioni fornite dai candidati; tutti i dati saranno trattati per le finalità connesse e strumentali al concorso.

Alla domanda di partecipazione dovrà essere allegata la ricevuta del versamento del contributo di partecipazione al concorso.

4. PROGRAMMA E PROVE D'ESAME

Il calendario delle prove verrà pubblicato, a seguito della verifica dei requisiti di ammissibilità dei candidati alla procedura concorsuale effettuata dagli uffici del settore Risorse Umane, mediante pubblicazione sul portale unico di reclutamento inPA (https://www.inpa.gov.it) e sul sito web del Comune di Cremona (www.comune.cremona.it-home page, notizie in evidenza).

Il programma delle prove di concorso si articolerà in:

  • a. una prova scritta
  • b. una prova orale

Qualora il numero delle candidature pervenute risulti superiore a 150, verrà espletata una prova preselettiva, consistente in quiz a risposta multipla sulle materie delle prove scritta e orale e/o su argomenti di cultura generale. Saranno ammessi alla prova scritta i primi 75 candidati e i parimerito all’ultima posizione valida. La Commissione esaminatrice definirà i criteri della prova. La graduatoria formata sulla base dei risultati della prova preselettiva sarà valida esclusivamente ai fini dell’ammissione alla prova scritta e non sarà utile per la formazione della graduatoria finale di merito.

Non svolgeranno l’eventuale prova preselettiva i candidati che, ai sensi dell’art. 20, comma 2bis, della L. 5 febbraio 1992 n. 104, risultano affetti da invalidità uguale o superiore all’80%, condizione che dovrà essere dichiarata nella domanda di partecipazione al concorso.

Alle prove i concorrenti dovranno esibire un documento legale di identità con fotografia, in corso di validità.

La prova scritta (a contenuto teorico o teorico pratico) e la prova orale verteranno sulle seguenti materie:

  1. principi generali sull'ordinamento degli enti locali con particolare riferimento agli organi politici ed agli organi gestionali di un comune ed alle rispettive competenze (D.Lgs 267/2000, dall’art. 1 all’art. 18, dall'art. 36 all'art. 54, dall'art. 88 all'art.111, nonché gli artt. da 149 a 153, da 169 a 170);
  2. elementi essenziali in materia di lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche (D.Lgs. 165/2001, dall'art.1 all'art. 9 e dall'art. 51 all'art. 55);
  3. codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR 62/2013, come modificato, in ultimo dal DPR n. 81/2023) e codice di comportamento dei dipendenti del comune di cremona;
  4. nozioni in materia di tutela della privacy all’interno delle scuole dell’infanzia (GDPR 679/2016 e D.Lgs. 196/2003 e ss.mm.ii.);
  5. elementi generali di pedagogia e di psicologia dello sviluppo della prima infanzia;
  6. la scuola dell’infanzia nel sistema formativo e scolastico: continuità verticale e orizzontale, con particolare riferimento al sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino ai sei anni di cui al d. Lgs.65/2017 e alle “linee pedagogiche per il sistema integrato zero-sei” approvato con decreto ministeriale 22/11/2021, n. 334;
  7. le Nuove Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia del 5 settembre 2012 e “Indicazioni nazionali e nuovi scenari” (2018);
  8. linee pedagogiche per il sistema integrato zerosei, DM 34/2021;
  9. il processo di inclusione scolastica, il D.Lgs. 66/2017 e il nuovo PEI (Progetto Educativo Individuale) previsto dal decreto interministeriale 29 dicembre 2020, n. 182;
  10. osservazione, progettazione, documentazione: l’organizzazione degli spazi, dei tempi e dei materiali, il P.T.O.F;
  11. il ruolo dell’insegnante.

La prova orale comprenderà anche l’accertamento della conoscenza, da parte del candidato, della lingua inglese, dell'uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.

Verrà altresì effettuata la verifica dei requisiti psico-attitudinali o attitudinali riferiti al ruolo da ricoprire; a tal fine in Commissione potrà essere presente un/una esperto/a in Psicologia del lavoro, abilitato/a e iscritto/a all'Ordine professionale degli Psicologi oppure da un esperto in valutazione delle competenze e selezione del personale.

Il possesso delle attitudini necessarie allo svolgimento del ruolo a concorso sarà accertato, con particolare riferimento:

- alla capacità relazionale nei rapporti interpersonali, quale capacità di comprendere i bisogni, gli atteggiamenti degli altri e interagirvi in modo costruttivo ed efficace;

- alla capacità di gestione dei conflitti e delle situazioni stressanti, quale abilità di strutturare interventi orientati alla risoluzione delle divergenze esistenti, regolando il proprio vissuto emotivo;

- alla capacità di lavorare in gruppo, quale capacità di lavorare con efficacia ed efficienza con altre persone in gruppi formali, sia permanenti che temporanei, favorendo il raggiungimento di obiettivi condivisi;

- alla capacità di problem solving, quale capacità di cogliere e approfondire gli elementi chiave di un problema per la sua soluzione, nonché di ricercare le risposte più efficaci ed adatte ai problemi complessi;

- alla capacità di apprendere, flessibilità ed adattamento ai differenti contesti quale capacità di organizzare il proprio apprendimento sia individualmente che in gruppo, a seconda delle richieste e del contesto.

Nell'ambito dei 30 punti attribuibili alla prova orale, 20 punti saranno riservati alla valutazione delle competenze tecniche ed i restanti 10 punti saranno riservati alla verifica dei requisiti psico-attitudinali/attitudinali.

Ciascuna prova concorsuale è da intendersi superata se si conseguirà una votazione di almeno 21/30.

I criteri di valutazione delle singole prove saranno determinati dalla Commissione esaminatrice nella prima riunione.

Il concorso si concluderà entro 180 giorni dalla prova scritta.

Ogni comunicazione rivolta ai concorrenti avverrà mediante pubblicazione sul Portale Unico di Reclutamento InPA nonché sul sito web dell’Ente. Nessun altro strumento di comunicazione verrà attivato; pertanto è onere del candidato verificare le suddette comunicazioni.

5. GRADUATORIA

Al termine delle prove concorsuali la Commissione esaminatrice trasmetterà al Settore Risorse Umane gli esiti della selezione in argomento.

Il punteggio finale risulterà composto dalla somma dei voti conseguiti nella prova scritta e nella prova orale. E’ escluso dalla graduatoria il candidato che non conseguirà l’idoneità (21/30) in ciascuna prova d’esame.

L’Amministrazione procedente potrà utilizzare la graduatoria – nei limiti consentiti dalla normativa in materia assunzionale - anche per assunzioni di personale a tempo determinato, che si rendessero successivamente necessarie.

E’ altresì facoltà dell’amministrazione comunale – nei limiti consentiti dalla normativa in materia assunzionale - concedere l’utilizzo della graduatoria di merito ad altri Enti della Pubblica Amministrazione mediante sottoscrizione di apposito Accordo: l’accettazione della proposta assunzionale presso altra Amministrazione comporterà la cancellazione dalla graduatoria.

La rinuncia alla proposta di assunzione a tempo indeterminato presso il Comune di Cremona formalizzata al/alla vincitore/vincitrice o al/alla idoneo/a non comporta per il/la rinunciatario/a la decadenza dalla posizione nella graduatoria e dal diritto all’assunzione.

6. ACCERTAMENTO DEI REQUISITI AI FINI DELLA NOMINA E ASSUNZIONE IN SERVIZIO

I candidati che risulteranno vincitori in base alla graduatoria formulata dall'apposita Commissione esaminatrice e approvata dal Dirigente del Settore preposto alla gestione del personale, saranno invitati a regolarizzare la loro posizione relativamente alla documentazione necessaria all’assunzione.

Al momento dell'assunzione, la cui data sarà comunque subordinata alle disposizioni sull'attività gestionale e finanziaria degli Enti Locali all'epoca vigenti, l'Amministrazione sottoporrà i vincitori ad accertamenti sanitari onde verificare la sussistenza dell'idoneità psicofisica all'espletamento delle mansioni relative ai posti da ricoprire.

I candidati vincitori della procedura concorsuale che verranno assunti a tempo indeterminato presso il Comune di Cremona non potranno chiedere, almeno per 5 anni, il trasferimento per mobilità volontaria presso altri Enti della PA.

7. TRATTAMENTO ECONOMICO

Il trattamento economico è quello stabilito dal vigente C.C.N.L. del personale del comparto Funzioni Locali, corrispondente all’area dei Funzionari e dell’Elevata Qualificazione: stipendio tabellare, tredicesima mensilità nella misura di legge, indennità di comparto, indennità di vacanza contrattuale, e ogni altro emolumento previsto dal richiamato C.C.N.L..

Il presente avviso è pubblicato sul Portale Unico di Reclutamento InPA https://www.inpa.gov.it/ e sul sito istituzionale del Comune di Cremona- www.comune.cremona.it (sia in home page “notizie in evidenza” sia nella sezione “concorsi e selezioni”)

Per ogni eventuale chiarimento i candidati potranno rivolgersi al Settore Risorse Umane (Ufficio Concorsi e Assunzioni - Piazza del Comune n. 8 - 3° piano – Tel. 0372.407281/407223 e-mail: ufficio.concorsi@comune.cremona.it).

Cremona lì, 25 marzo 2024

IL DIRIGENTE DEL
SETTORE RISORSE UMANE
(dott. Fabio Scio)

Percorsi di navigazione
Categoria di Bandi
Mi Interessa