Al Museo Archeologico l’incontro "Pictura tacitum poema. Le ragioni di una mostra"

Versione stampabileVersione PDF
Frammento di intonaco dipinto con grifo dalla Domus del Ninfeo di piazza Marconi

Fa tappa a Cremona il ciclo di conferenze Ripartire tra Adda e Oglio – Prospettive per l’archeologia cremonese, coordinato dal Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali dell'Università degli Studi di Milano.

L'incontro, in programma al Museo Archeologico (via San Lorenzo, 4) giovedì 20 ottobre alle ore 18, a cura di Nicoletta Cecchini, Elena Mariani e Marina Volonté, sarà il primo momento di comunicazione al pubblico dei contenuti della mostra Pictura tacitum poema. Miti e paesaggi dipinti nelle domus di Cremona, che sarà allestita, dal 10 febbraio al 22 maggio 2023, al Padiglione Amati del Museo del Violino

La mostra, promossa dal Museo Archeologico di Cremona con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Cremona, Lodi e Mantova, approfondirà il tema della pittura delle domus cremonesi, pressoché sconosciuta fino a 20 anni fa e ora fonte di straordinarie scoperte. In particolare, ci si propone di valorizzare il fortissimo legame tra le decorazioni cremonesi e quelle contemporanee che abbellivano le dimore dei più eminenti personaggi di Roma.

Fulcro dell'esposizione sarà la stanza da letto (cubiculum), detta “di Arianna” dal tema dei tre quadri dipinti sulle pareti dell'anticamera dalla Domus del Ninfeo di piazza Marconi: nuovi ritrovamenti nel 2014 in via Colletta hanno inoltre mostrato quanto fosse diffusa nelle domus cremonesi questa raffinata cultura artistica.

I materiali esposti in mostra saranno contestualizzati e valorizzati grazie all'accostamento con affreschi meglio conservati e più completi, in prestito da prestigiose istituzioni italiane.

Tipologia
News
Categoria di News