Assegnazione di alloggi dei Servizi Abitativi Pubblici - SAP (già ERP) - Avviso (bando) e assegnazione definitiva

Versione stampabileVersione PDF

Data di pubblicazione: 

24/03/2022

Data di Scadenza: 

20/05/2022 - 12:00
E' disponibile la graduatoria provvisoria per l'assegnazione delle unità abitative (maggio 2022)

L'Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.), Servizio Abitativo Pubblico - SAP a seguito della entrata in vigore della legge regionale n. 16 dell'8 agosto 2016, è un servizio che assegna un'abitazione, in base alle disponibilità, a coloro che vivono in una situazione di difficoltà economica e sociale, che ne fanno domanda e che hanno i requisiti previsti dalla normativa regionale per l'accesso ai SAP fino alla permanenza del disagio.

Regione Lombardia stabilisce i requisiti per l'accesso e la permanenza in un alloggio dei Servizi Abitativi Pubblici da parte dei cittadini e i criteri per determinare il canone d'affitto.

I Comuni e le Aler sono competenti per l'assegnazione degli alloggi SAP di loro proprietà. Tale assegnazione avviene attraverso avvisi (bandi) pubblici, riferiti all'ambito territoriale del Piano di Zona.

Pubblicazione dell'avviso (bando) e formazione graduatorie
Il Comune di Cremona, in quanto Comune capofila designato dall'Assemblea dei sindaci del distretto cremonese, emana avvisi (bandi) di norma con cadenza semestrale per l'assegnazione degli alloggi SAP a canone sociale che vengono pubblicati all'Albo Pretorio Informatico sul sito Internet del Comune di Cremona e dei Comuni di ambito.

Nell'avviso (bando) è specificato il numero previsto di alloggi disponibili.
Per consultare l'avviso (determinazione dirigenziale 370/2022 del 18/03/2022), vedi la sezione "Delibere e Determine" di questa scheda.

Entro cinque giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle domande, i Comuni e le ALER approvano, con specifico provvedimento, le graduatorie di rispettiva competenza distinte per territorio comunale.
Le graduatorie per ogni singolo ente proprietario saranno pubblicate sul sito del Comune di Cremona, nella piattaforma informatica regionale, e nei siti istituzionali degli enti proprietari (Comuni e Aler di Brescia Cremona, Mantova UOG di Cremona).

Nei 15 giorni successivi alla data della pubblicazione delle graduatorie è possibile presentare all'ente proprietario richiesta di rettifica del punteggio solo per il riconoscimento dell'invalidità civile che sia stata conseguita come esito di un procedimento avviato prima della scadenza del termine di presentazione della domanda di assegnazione (Vedi la sezione "Ti potrebbe interessare anche" più avanti in questa scheda).

Successivamente vengono formulate le graduatorie definitive.
Per consultare le graduatorie, vedi la sezione "Atti" di questa scheda.

All'assegnazione dell'alloggio da parte del Comune e dell'Aler segue la stipula del contratto di locazione da parte dell'ente gestore dell'alloggio (Comune o Aler).

Il bando e tutta la modulistica scaricabile da questa pagina è disponibile anche in formato cartaceo presso l'Ufficio alloggi-Sportello Alloggi Erp e presso SpazioComune.

Canone di locazione (affitto)
Il canone di locazione viene calcolato sulla base della normativa regionale, nel rispetto del principio di sopportabilità per l'inquilino e di sostenibilità economica del sistema dei Servizi Abitativi Pubblici.

    Nel caso si modifichino le condizioni familiari ed economiche, l'inquilino (locatario/assegnatario) può chiedere una revisione del canone.

    In ogni caso l'Ufficio provvede ad effettuare, ogni due anni, l'aggiornamento dell'anagrafe dell'utenza, richiedendo la documentazione del reddito di tutti i componenti della famiglia.
    E' necessario che l'inquilino trasmetta tutta la documentazione richiesta e risponda con precisione e completezza al questionario.
    In caso di mancata risposta da parte dell'inquilino, l'Ufficio è tenuto ad applicare il canone di affitto più alto.

    L'inquilino (locatario/assegnatario) può recedere dal contratto con un preavviso di tre mesi presesentando apposito modulo (vedi la sezione "Modulistica" di questa scheda) all'Ufficio Alloggi o all'Ufficio Protocollo Generale.

    Pagamenti
    Per il pagamento del canone di locazione degli alloggi in gestione comunale, l'inquilino riceve la fattura e il pagamento può essere effettuato:

    • presso gli sportelli del concessionario del servizio di riscossione delle entrate comunali I.C.A.-ABACO S.p.A. (vedi la sezione "Link esterni" di questa scheda)
    • attivando la domiciliazione bancaria (RID) presso la propria banca utilizzando il modulo disponibile (vedi la sezione "Modulistica" di questa scheda) o in distribuzione in cartaceo c/o uffici R.T.I. ICA/ABACO e SpazioComune
    • presso gli Uffici Postali, in banca, in ricevitoria, dal Tabaccaio, al Bancomat, al Supermercato, utilizzando l'avviso di pagamento Pago PA allegato alla fattura

     

    Destinatari del Bando: 

    L’Ambito Territoriale di Cremona, ai sensi della nuova Legge Regionale 8 luglio 2016, n. 16 (Disciplina regionale dei Servizi Abitativi Pubblici) e del Regolamento Regionale n. 4/2017 e s.m.i., pubblica il nuovo avviso (bando) per l’assegnazione delle cosiddette case popolari (ora definiti alloggi SAP) disponibili nell'ambito territoriale di Cremona e localizzate nei Comuni di:
    Acquanegra Cremonese, Annicco, Cappella de' Picenardi, Casalbuttano ed Uniti, Cella Dati, Cremona, Gadesco Pieve Delmona, Grontardo, Grumello cremonese ed Uniti, Isola Dovarese, Ostiano, Pescarolo ed Uniti, Pessina,  Pizzighettone, Pozzaglio ed Uniti, S.Daniele Po, Sesto ed Uniti, Soresina, Stagno Lombardo, Vescovato, Volongo.

    Alloggi disponibili n. 100 (di cui 81 disponibili entro la data di chiusura dell'avviso e n 19 assegnabili in stato di fatto) di proprietà dei Comuni/Aler come da tabella sottoriportata:

    COMUNE

    PROPRIETA'

    N-COMUNE

    N-ALER

    ACQUANEGRA CREMONESE

    ALER

    0

    3

    ANNICCO

    ALER

    0

    2

    CAPPELLA DE PICENARDI

    COMUNE

    1

    0

    CASALBUTTANO ED UNITI

    COMUNE

    5

    0

    CELLA DATI

    COMUNE

    2

    0

    CREMONA

    COMUNE- ALER

    6

    47

    GADESCO PIEVE DELMONA

    COMUNE

    1

    0

    GRONTARDO COMUNE 1 0

    GRUMELLO CREMONESE ED UNITI

    ALER

    0

    1

    ISOLA DOVARESE

    ALER

    0

    7

    OSTIANO

    ALER

    0

    2

    PESCAROLO ED UNITI

    ALER

    0

    3

    PESSINA CREMONESE

    COMUNE

    2

    0

    PIZZIGHETTONE

    ALER

    0

    1

    POZZAGLIO ED UNITI COMUNE 0 2

    S. DANIELE PO

    ALER

    0

    1

    SESTO ED UNITI

    ALER

    0

    3

    SORESINA

    COMUNE

    1

    0

    STAGNO LOMBARDO COMUNE 2 0

    VESCOVATO

    ALER

    0

    6

    VOLONGO COMUNE 1 0

    L’ambito territoriale di Cremona include i Comuni di:

    • Acquanegra Cremonese
    • Annicco
    • Azzanello
    • Bonemerse
    • Bordolano
    • Cappella Cantone
    • Cappella De’ Picenardi
    • Casalbuttano Ed Uniti
    • Casalmorano
    • Castelverde
    • Castelvisconti
    • Cella Dati
    • Cicognolo
    • Corte De Frati
    • Corte De’ Cortesi Con Cignone
    • Cremona
    • Crotta D’Adda
    • Derovere
    • Formigara
    • Gabbioneta Binanuova
    • Gadesco Pieve Delmona
    • Gerre De’ Caprioli
    • Grontardo
    • Grumello Cremonese
    • Isola Dovarese
    • Malagnino
    • Olmeneta
    • Ostiano
    • Paderno Ponchielli
    • Persico Dosimo
    • Pescarolo Ed Uniti
    • Pessina Cremonese
    • Pieve D’Olmi
    • Pieve S. Giacomo
    • Pizzighettone
    • Pozzaglio Ed Uniti
    • Robecco D’Oglio
    • San Bassano
    • San Daniele Po
    • Scandolara Ripa D’Oglio
    • Sesto Cremonese Ed Uniti
    • Soresina
    • Sospiro
    • Spinadesco
    • Stagno Lombardo
    • Torre De' Picenardi
    • Vescovato
    • Volongo

    Possono presentare domanda i soggetti in possesso dei requisiti di cittadinanza, residenza, situazione economica, abitativa e familiare specificati nell’art.7 del regolamento regionale 4/2017 modificato ed integrato a marzo 2019 e dalla Legge Regionale dell’ 8 luglio 2016 n.16, come specificati nell'avviso.

    N.B.: Con sentenza della Corte Costituzionale n.44 del 28 gennaio 2020 è stata sancita l'illegittimità del requisito del possesso di 5 anni di residenza o di svolgimento di attività lavorativa in Regione Lombardia, pertanto può presentare domanda anche chi è residente o svolge attività in regione da meno di 5 anni.

    Inoltre è sospesa la presentazione da parte dei richiedenti cittadini di stati non appartenenti all'Unione Europea della documentazione attestante il non possesso di alloggi adeguati nel paese di provenienza .

    Per i nuclei familiari con ISEE pari o inferiore a € 3.000,00 non è più richiesta la attestazione dei servizi sociali relativa alla condizione di indigenza.

    Non potranno presentare domanda i nuclei familiari con indicatore di situazione economica equivalente (ISEE) superiore ad € 16.000,00, come previsto dall’art.7 del regolamento sopraccitato.

     

    Posti disponibili: 

    100

    Modalità di presentazione della domanda: 

    Documentazione necessaria per la presentazione della domanda e/o dati da dichiarare:

    • indirizzo di posta elettronica e cellulare utilizzabili durante l’operazione di REGISTRAZIONE;
    • credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o credenziali Carta d'Identità Elettronica (CIE) o tessera CRS (Carta Regionale dei Servizi) in corso di validità o CNS (Carta Nazionale dei servizi) con PIN;
    • per tutti i componenti del nucleo familiare dati anagrafici e codici fiscali e per i cittadini non comunitari i permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o permesso soggiorno almeno biennale (valido);
    • contratto di lavoro per cittadini non comunitari in possesso di permesso di soggiorno biennale;
    • data di iscrizione all’anagrafe comunale e regionale;
    • copia cartacea dell’ISEE (compresa DSU) in corso di validità. In caso di famiglia di nuova formazione non ancora costituita è necessario essere in possesso dell'isee di entrambi i nuclei di provenienza;
    • dichiarazione di alloggio antigienico accertato dall'ATS per chi vive da almeno 1 anno in alloggi privi di servizi igienici o di riscaldamento o considerati antigienici;
    • eventuale certificazione di invalidità (per ottenere un punteggio questa dovrà essere pari almeno al 66%);
    • copia sentenza di separazione per chi ha dovuto lasciare l’alloggio all’altro coniuge ed ai figli e deve versare l’assegno di mantenimento in seguito a provvedimento dell’Autorità Giudiziaria emesso al massimo un anno prima della presentazione della domanda;
    • eventuale documentazione relativa allo sfratto convalidato od eseguito;
    • eventuale documentazione relativa a condizione abitativa impropria (in struttura di assistenza da almeno 1 anno , in ricovero precario da almeno 6 mesi, in struttura di tipo alberghiero a carico di amministrazioni pubbliche);
    • metratura alloggio per eventuale condizione di sovraffollamento (da almeno 1 anno secondo i parametri bando);
    • eventuale presenza di barriere architettoniche interne o esterne all'alloggio per persone disabili o esterne per anziani ultrasessantacinquenni;
    • marca da bollo da € 16,00 o carta di credito per il pagamento on line; il pagamento può avvenire in modalità virtuale ovvero acquistando la marca da bollo e inserendo il numero nell'apposito campo della piattaforma regionale. La marca da bollo va conservata fino alla verifica dei requisiti in caso di assegnazione.

    IMPORTANTE:

    • Con la formazione delle graduatorie del presente Avviso S.A.P. decadono tutte le domande della graduatoria formulata a seguito dei bandi precedenti, pertanto chi è già presente in precedenti graduatorie deve ripresentare domanda.
       
    • In caso di assegnazione di alloggio, il richiedente con ISEE pari o inferiore a € 3.000,00 dovrà sottoscrivere con i Servizi Sociali Comunali un progetto individuale finalizzato al recupero delle autonomie economiche e sociali.
    • Si evidenzia che a seguito della pubblicazione delle graduatorie definitive, gli enti proprietari, per i propri alloggi, ai sensi dell’art.15 del r.r. n° 4/2017 e s.m.i. procederanno all’assegnazione degli stessi, previa verifica dei requisiti (art. 7 del r.r. n° 4/2017 e s.m.i.) al momento dell’Avviso e della loro permanenza all’atto dell’assegnazione, richiedendo la presentazione di tutta la documentazione comprovante quanto dichiarato nella domanda presentata sulla piattaforma online.

    Presentazione della domanda
    La domanda va compilata dal richiedente esclusivamente in modalità telematica (vedi manuale nella sezione "Allegati" in fondo a questa scheda)accedendo alla piattaforma SIAGE (vedi sezione "Link esterni" di questa scheda) di Regione Lombardia.

    Ricordiamo a tutti coloro che presenteranno domanda, che la stessa può essere compilata on line anche autonomamente e che, anche in caso di assistenza presso le postazioni telematiche messe a disposizione, la responsabilità delle dichiarazioni effettuate è sempre e comunque personale.

    Per accedere al modulo informatico regionale di presentazione della domanda, è necessario che il richiedente abbia provveduto alla registrazione, nella predetta piattaforma informatica regionale.

    Per accedere alla piattaforma SIAGE è necessario disporre, in alternativa di:

    1) Tessera CRS (Carta Regionale dei Servizi) in corso di validità o CNS (Carta Nazionale dei servizi) con PIN. In questo caso serve anche un lettore di smart card. Il Pin può essere richiesto a:

    • ASST di Cremona
      Rete Territoriale ASST (sede di Cremona) - via San Sebastiano 14
      Edificio B - Sportello Scelta/Revoca
    • Ospedale di Cremona - Largo Priori 1:
      Sportello CUP - Padiglione 12
      Sportello Accettazione ricoveri - Piano T
    • Spazio Regione - via Dante 136
    • Comune di Cremona - uffici aperti al pubblico

    2) Credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) ottenibili effettuando il riconoscimento presso uno dei fornitori accreditati. Per ottenere le credenziali SPID occorre:

    • registrarsi sul sito di uno dei nove Identity provider: ARUBA - INFOCERT - NAMIRAL - POSTE ITALIANE - REGISTER.IT - SIELTE - TIM – INTESA - LEPIDA
    • completare la procedura attraverso la modalità indicata dall'Identity provider prescelto:
      • via webcam
      • di persona
      • tramite Carta Identità Elettronica, CNS/CRS attiva o firma digitale

    I tempi di rilascio dell'Identità SPID dipendono dai singoli Identity provider.

    E' possibile effettuare il riconoscimento per il rilascio delle credenziali SPID anche presso il Comune di Cremona - SpazioComune (vedi sezione "Ti potrebbe interessare anche" in fondo a questa scheda).

    Altre informazioni sul sito governativo SPID (vedi sezione "Link esterni" di questa scheda).
    L'Identità SPID non ha scadenza e può essere richiesta più volte.

    In ogni caso è necessario disporre di cellulare con possibilità ricezione messaggi e mail.
    In caso di difficoltà per la compilazione si consiglia di farsi assistere da una persona di fiducia.

    Di seguito le postazioni telematiche messe a disposizione dai Comuni ed Aler esclusivamente per l’inoltro delle domande che devono essere compilate direttamente dal cittadino:

    - Comune di Cremona – Ufficio Alloggi – via dei Colonnetti 4
    su appuntamento telefonico al numero 0372407349 - 0372407363 - 0372407602

    • lunedì dalle 8.30 alle 12.30
    • martedì dalle 8.30 alle 12.30
    • giovedì dalle 8.30 alle 12.30

    - Aler Brescia Cremona Mantova - UOG di Cremona - via Manini 12
    su appuntamento telefonico al numero 037241941.

    - Comuni sopraelencati dell'ambito cremonese
    negli orari di apertura al pubblico degli uffici o secondo le indicazioni riportate nel bando.

    E' possibile rivolgersi anche alll'Associazione Inquilini SICET, previo appuntamento al n. 0372596811 per le sedi:

    • viale Trento Trieste 54, Cremona - mercoledì e giovedì dalle 9.00 alle 12.00
    • via De Gasperi 56B, Crema - lunedì dalle 9.00 alle 12.00

    Costo del Procedimento: 

    marca da bollo da € 16,00