Re Carnevale è arrivato nei quartieri e nelle scuole del Cambonino e di San Bernardo

Versione stampabileVersione PDF
Re Carnevale alla scuola infanzia "Gallina"

Un progetto di animazione con l’obiettivo di essere presenti sul territorio nonostante la pandemia per contrastare il senso di solitudine delle persone, per dare continuità a progettualità già realizzate, che si articolano nel tempo e negli spazi cittadini promuovendo azioni periodiche continuative, seppure - in tempi di emergenza sanitaria - a debita distanza. Questo l’obiettivo dell’iniziativa Affacciati alla Finestra: arriva Re Carnevale!, curata da Teatro Itinerante, promossa nei giorni scorsi dal Centro Quartieri e Beni Comuni in collaborazione con i Comitati di Quartiere, le associazioni locali e con il Settore Politiche Educative del Comune di Cremona.

Dopo il passaggio serale, l’11 febbraio, giovedì grasso, nei quartieri Cambonino e San Bernardo, dove Re Carnevale si è recato con i sui amici Musicanti Fracassoni, ieri, 16 febbraio, martedì grasso, il Re ha fatto visita alle scuole dell’infanzia comunali dei due quartieri, “Lacchini” e “Gallina”. Re Carnevale, accolto in maniera festosa e chiassosa, ha così ringraziato bambine, bambini e insegnanti per i bellissimi lavori realizzati: gli addobbi fantasiosi, le maschere coloratissime, i disegni da bruciare nel Grande Falò che ha fatto ardere nel suo castello proprio la notte dell’ultimo giorno di Carnevale. Perché quanto rappresentato nei disegni scompaia, magari per sempre e che, come narra la leggenda, le scintille del falò si trasformino in piccole stelle di speranza, una per ciascuna bambina e per ciascun bambino.

Re Carnevale ha recapitato inoltre una lettera-messaggio di ringraziamento anche ai bambini e alle bambine della scuola primaria “G. Miglioli” che hanno contribuito, così come i loro compagni più piccoli, a rallegrare questo carnevale così particolare. Sfogliando i disegni e i messaggi realizzati dai piccoli protagonisti di questo “carnevale a distanza” è emerso che c ’è molto da bruciare nel Grande Falò di Re Carnevale: timori, brutti sogni, ricordi tristi, pensieri spiacevoli. Paure tra le più varie: quella del temporale e quella dei ragni, degli alieni e dei personaggi dei videogiochi, della guerra e dello tsunami.

Infine, la classica paura del buio che ha la forma del lupo, del fantasma, del vampiro, dello squalo, di mostri e di streghe dalle molteplici sembianze. Tra questi personaggi spaventosi ha fatto la sua comparsa anche il “brutto mostro verde”, così è stato raffigurato, il nuovo coronavirus che fa ammalare molte persone, che costringe a indossare la mascherina, impedisce di abbracciare nonni, cugini e amici, vieta di uscire a giocare, e che talvolta si porta via le persone care. La richiesta rivolta a Re Carnevale non è stata solo quella di bruciare questo “nuovo mostro” in particolare, ma anche di aiutare tutte le persone del mondo scientifico e medico a sconfiggerlo.

 

Tipologia
News
Categoria di News