Centolire

Versione stampabileVersione PDF

Presentazione: 

Di e con: Francesca Montuori
musiche a cura di: Jacopo Sgarzi

Centolire è un lavoro che prende il largo a partire da una vecchia canzone popolare, che intonava appunto: “Mamma mia dammi cento lire, che in America voglio andar”.
Mossi dalle speranze dei migranti italiani del secolo scorso, da quel desiderio di rivalsa, di successo e di cambiamento drastico della propria vita, ma anche di sradicamento dalla terra natia e dagli affetti, ci si imbarca insieme a Rosa, una donna che ha attraversato, come tanti, il mare in tempesta per cercare di realizzare il suo sogno d’artista e che, davanti ad un pubblico creatosi per un evento inaspettato, racconta la sua tempesta dell’anima, il naufragio personale di chi si trova a fare i conti infine con il proprio fallimento, con quell’abisso insondabile nascosto in fondo ad ognuno di noi.
Rosa trova, nella spezzata routine di un locale americano, un’occasione da non perdere: cantare finalmente la sua canzone, grazie alla complicità di un musicista che ha conosciuto simili burrasche; cantare la bellezza del naufragio, l’orgoglio di chi è sprofondato, ma che ancora nuota per riemergere dal fondo del mare.

Finalità e scelte didattiche: 

Lo spettacolo intende portare in scena una storia personale di migrazione, avvenuta nel passato, ma che ancora porta visibili i legami con le diversificate e spesso drammatiche vicende dei migranti di oggi. Seguendo il viaggio di una donna che sceglie di distaccarsi dalla familiare campagna padana, così ricca di tradizione, per salpare verso l’America, terra dove i sogni diventano realtà, gli spettatori sono invitati a farsi partecipi di un’avventura di formazione personale fatta di fallimenti, delusioni, ripartenze e speranze, in cui tutti possono rispecchiarsi e possono trovare uno spunto per affrontare i piccoli e grandi naufragi della vita.

Destinatari: 

  • Scuola secondaria di II grado

Sedi: 

Presso Teatro Filo in orario scolastico nei giorni 5, 6 e 7 ottobre 2020. Altre date sono concordabili previa accordo con la compagnia nell’arco dell’intero anno scolastico. Nel rispetto delle norme di distanziamento sanitario previste dall’emergenza Covid-19, la fruizione presso i Teatro Filo è ipotizzabile per una capienza autorizzata pari a max 50 persone equivalenti al 25% della capienza del teatro.

Tempi e modalità di realizzazione del progetto: 

Durata dello spettacolo 55 minuti. Considerando la durata e i limiti di capienza della sala, nonché i tempi di sanificazione necessari, è ipotizzabile l’effettuazione di due repliche nella stessa giornata con inizio – inderogabile – alle ore 9.00 e ore 11.00.

Costi: 

ingresso € 7.00 a persona da pagare alla cassa previa prenotazione

Modalità e termini per l’iscrizione: 

Si richiede indicazione di interesse da parte della classe / istituto al fine da organizzare il calendario delle repliche

Propone il progetto: 

Area tematica
  • Arte e musei
Anno Scolastico
  • 2020/21