imu 2021 - agevolazioni covid

Versione stampabileVersione PDF

In considerazione degli effetti connessi all’emergenza sanitaria da COVID 19, per l’anno 2021, non è dovuta la prima rata dell'imposta municipale propria (IMU) relativamente a:
a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;
b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e relative pertinenze, immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi soggetti passivi siano anche gestori delle attività ivi esercitate.
c) Immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni;
d) Immobili destinati a discoteche, sale da ballo, night club e simili, a condizione che i relativi soggetti passivi siano anche gestori delle attività ivi esercitate.
ai sensi dell'art. 1 comma 599 - Legge 30 dicembre 2020 n. 178 (legge di bilancio 2021)

Possono beneficiare dell’esenzione solo le attività svolte in forma di impresa, con la conseguente esclusione dal beneficio per gli immobili gestiti da persona fisica senza alcuna forma imprenditoriale connotata da attribuzione di partita IVA.

Gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, a condizione che i relativi soggetti passivi siano anche gestori delle attività ivi esercitate, godono dell’esenzione dal pagamento dell’imposta per le annualità 2021 e 2022. (art. 78 comma 3 D.L. 104/2020 convertito con modificazioni dalla Legge 17 luglio 2020 n. 126).

Servizi: