Voucher anziani e disabili / Reddito di autonomia - misure per migliorare la qualità della vita delle persone anziane e favorire l'inclusione sociale delle persone disabili - 2019/2020

Versione stampabileVersione PDF

Questo bando intende promuovere interventi finalizzati

  • a garantire alle persone anziane, in condizione di vulnerabilità socio-economica, di permanere al proprio domicilio consolidando i livelli di relazioni sociali (aree di intervento: mantenimento del livello culturale e sociale, autonomia personale, contesto familiare)
  • a implementare, in persone disabili giovani ed adulte, le abilità finalizzate all’inclusione sociale ed allo sviluppo dell’autonomia personale (aree di intervento: autonomia personale, socializzazione, emancipazione della famiglia ecc.)

L'intervento si concretizza con un percorso multidisciplinare (Progetto Individuale - PI)  che prevede l'erogazione di servizi/prestazioni per un ammontare complessivo di € 4.800,00 a persona (Voucher) da erogare nell'arco di 12 mesi.

Per presentare domanda è necessario compilare l'apposito modulo (vedi colonna di destra). Al modulo è necessario allegare l'ISEE in corso di validità.

La domanda può essere presentata dal 4 febbraio 2019 al 17 gennaio 2020 presso la sede operativa dell'Azienda Sociale del Cremonese (vedi colonna di destra)
Per informazioni: Anna Alghisi - Laura Bertolini 0372 407884 oppure Pois (vedi colonna di destra)

Destinatari del Bando: 

destinatari requisiti base altri requisiti
Persone anziane
  • di età uguale o >65 anni;
  • con reddito ISEE di riferimento uguale o <20.000 euro annui, in corso di validità al momento della presentazione della domanda (compreso quello corrente);
  • che vivono al proprio domicilio.

Tali persone si caratterizzano per la prima o entrambe delle seguenti caratteristiche:

  • compromissione funzionale lieve ovvero condizioni che possono comportare una minore cura di sé e dell’ambiente domestico, nonché povertà relazionale intesa come rarefazione delle relazioni familiari, progressiva scomparsa dei rapporti di amicizia e di vicinato, ecc. con conseguenti importanti effetti dal punto di vista del decadimento psico-fisico;
  • essere caregiver di familiari non autosufficienti con necessità di sollievo e supporto per mantenere una adeguata qualità della vita
Giovani e adulti con disabilità a forte rischio di esclusione sociale
  • di età pari o superiore a 16 anni;
  • con reddito ISEE di riferimento uguale o <20.000 euro annui, in corso di validità al momento della presentazione della domanda (compreso quello corrente);
  • con un livello di compromissione funzionale che consente un percorso di acquisizione di abilità sociali e relative all’autonomia nella cura di sé e dell’ambiente di vita, nonché nella vita di relazioni

Tali persone devono caratterizzarsi inoltre per la presenza di:

  • livelli di abilità funzionali che consentano interventi socio educativi volti ad implementare le competenze necessarie alla cura di sé;
  • un livello di capacità per lo svolgimento delle attività della vita quotidiana che consenta interventi socio educativi e socio formativi per sviluppare/implementare/riacquisire:
    • abilità relazionali e sociali;
    • abilità da agire all’interno della famiglia o per emanciparsi da essa;
    • abilità funzionali per un eventuale inserimento/reinserimento lavorativo.

ATTENZIONE - Requisiti di inammissibilità

Anziani
Non possono beneficiare del presente Avviso:

  • persone anziane con gravi limitazioni dell’autosufficienza ed autonomia personale (es. destinatarie delle misure B1 e B2 FNA nonché RSA Aperta di cui alla d.g.r. 7769/2018);
  • persone che frequentano in maniera sistematica e continuativa (=> 18 ore di frequenza) unità d’offerta o servizi a carattere socio-sanitario (es. il centro diurno integrato, ecc.) a seguito di presa in carico presso l’Unità di Offerta stessa.

Giovani e adulti con disabilità
Non possono beneficiare del presente Avviso:

  • persone con disabilità grave/gravissima, con importanti limitazioni dell’autosufficienza ed autonomia personale nelle attività della vita quotidiana e di relazione.
  • persone che frequentano in maniera sistematica e continuativa (=> 18 ore di frequenza) unità d’offerta o servizi a carattere sociale o socio-sanitario (il centro socio educativo, il servizio di formazione all’autonomia, ecc.);
  • persone che frequentano corsi di formazione professionale;
  • persone prese in carico con progetti di accompagnamento all’autonomia (ex L. 112/2016 “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare”);