Nel Capitolato all'articolo 5b (pag. 4) si afferma che: “(i badges) dovranno essere di tipo “flessibile”, consentendo l'addebito del valore della prestazione effettivamente erogata nel rispetto del valore massimo previsto ...

Versione stampabileVersione PDF

Nel Capitolato all'articolo 5b (pag. 4) si afferma che: “(i badges) dovranno essere di tipo “flessibile”, consentendo l'addebito del valore della prestazione effettivamente erogata nel rispetto del valore massimo previsto; i badges sono di tipo flessibile e sono così definiti in quanto devono consentire l'addebito esatto del valore della prestazione effettivamente erogata dall'esercente, fino al raggiungimento del valore massimo prestabilito di € 10,50”. La normativa, tuttavia, impone che il buono sia consumato per intero, non è quindi frazionabile. Come dobbiamo interpretare questo requisito?

Risposta: 

Il metodo della “Mensa diffusa” non prevede un buono dal valore prestabilito. I dipendenti del Comune di Cremona e della Provincia di Cremona possono spendere, utilizzando il badge, fino ad un massimo di Euro 10,50 giornalieri ottenendo poi dagli Enti un rimborso pari ai 2/3 del valore di Euro 10,50 (il rimborso dei 2/3 avviene anche quando la spesa è inferiore ad Euro 10,50. Non è previsto un valore minimo giornaliero da spendere).