Modalità di svolgimento della Fiera Merceologica di San Pietro 2018

Versione stampabileVersione PDF

Numero di protocollo: 

26581

Periodo di validità: 

da 12/04/2018 a 24/06/2018

IL SINDACO

PREMESSO

che da tempo nel Comune di Cremona si svolge la tradizionale Fiera merceologica di San Pietro, in occasione dell'omonima festività;

RICHIAMATI

  • la Legge Regionale 2 febbraio 2010 n. 6, “Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere”, in attuazione del D.Lgs. n. 114/98 e gli indirizzi regionali di programmazione del commercio al dettaglio su aree pubbliche” e successive modificazioni;
  • il Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche

VISTO

  • il D. Lgs. 18 agosto 2000 n. 267;

ORDINA

Art. 1
l’edizione 2018 della Fiera Merceologica di San Pietro si svolgerà a partire dal pomeriggio di sabato 23 giugno e per tutta la giornata di domenica 24 giugno 2018, nelle seguenti vie: Viale Po (tratto da P.zza Cadorna a Barriera Po) e Via Navaroli, utilizzando i medesimi posteggi individuati allo scopo negli anni precedenti Tutti i posteggi hanno la profondità di 5 metri. Alla Fiera possono partecipare gli operatori provenienti da tutto il territorio nazionale in possesso dell'autorizzazione per il commercio su area pubblica ed i produttori agricoli.

Art. 2
Oltre ai posteggi di cui sopra potranno essere concessi spazi non superiori a mq. 1 per venditori di palloncini etc., sulla base di apposita graduatoria, formulata nel rispetto dei criteri di cui al presente provvedimento. L’esatto posizionamento sarà indicato nel relativo atto di concessione. Tali spazi non potranno essere superiori a n. 4.

Ulteriori spazi, se ed in quanto disponibili e comunque al di fuori dei posteggi di cui sopra potranno inoltre essere concessi agli esercenti mestieri girovaghi, già inquadrati nell’ex art. 121 del T.U.L.P.S., tenendo conto dell’ordine cronologico della presentazione delle domande: l’esatta posizione sarà indicata nell’atto di concessione. Tali spazi non potranno essere superiori a n. 1.

Trattandosi di una fiera non specializzata, i posteggi possono essere utilizzati per la vendita di qualsiasi prodotto, fatte salve eventuali limitazioni o divieti imposti per motivi di ordine igienico, sanitario, nonché quanto previsto al comma successivo.

Per esigenze di mantenimento dell’equilibrio commerciale e di un giusto assortimento merceologico, compatibili con il carattere non specializzato della Fiera, nonché per esigenze di carattere igienico-sanitario, i posteggi riservati alla vendita di prodotti non alimentari non possono essere destinati alla vendita di prodotti alimentari e viceversa. Tale vincolo si mantiene anche nel caso di cessione a terzi dell’azienda commerciale.

Oltre ai prodotti per i quali è vietato, per legge, il commercio su area pubblica, non è ammessa, nell’ambito della Fiera, la vendita di animali vivi di qualsiasi specie.
Salvo quanto precede, l'operatore ha diritto di utilizzare il posteggio per tutti i prodotti oggetto della propria attività.

Per esigenze di rispetto delle condizioni igienico sanitarie, i posteggi da utilizzare per la vendita di prodotti alimentari freschi e di bevande sono dislocati prevalentemente in via Navaroli, in modo da essere separati dai banchi destinati alla vendita di altri prodotti, fatti salvi i diritti acquisiti.

I posteggi ubicati in viale Po e nelle altre vie interessate dalla Fiera, che non fossero occupati dal rispettivo concessionario entro l'ora stabilita, potranno essere assegnati, secondo i criteri di cui vigente regolamento.

Esaurite le assegnazioni agli operatori del settore alimentare, si procederà all’assegnazione agli operatori non alimentaristi.

Per motivi di ordine igienico sanitario, la somministrazione di bevande deve comunque avvenire in contenitori a perdere.

Art. 3
I posteggi non ancora assegnati con autorizzazione pluriennale, sono assegnati sulla scorta dei seguenti criteri:

  • La concessione del posteggio è limitata alla durata della fiera.
  • A nessun operatore potrà essere concesso più di un posteggio, fatti salvi i diritti acquisiti, per un massimo, comunque, di tre postazioni.
  • Sono considerate valide le domande presentate entro il 23 aprile 2018, termine di cui al vigente regolamento, tramite il portale SUAP impresainungiorno.gov.it (procedura Commercio – Feste di via).

La graduatoria per l'assegnazione dei posteggi è pubblicata all'Albo Pretorio informatico del Comune almeno venti giorni prima dell'inizio della Fiera ed è consultabile all’indirizzo web www.comune.cremona.it.

Gli interessati potranno presentare eventuali osservazioni sulla graduatoria fino a 10 giorni lavorativi prima dall'inizio della Fiera; dopo tale termine saranno prese in considerazione per le edizioni successive.

La presenza è obbligatoria per tutta la durata della fiera. L’obbligatorietà della presenza si riferisce esclusivamente agli operatori che hanno occupato il posteggio assegnato con le modalità sotto indicate.

Il posteggio assegnato deve essere occupato con banco di vendita allestito e merce esposta entro e non oltre le ore 14.30 del sabato e le ore 07.00 della domenica. Qualora l’occupazione non avvenisse entro i termini e le modalità indicate, l’operatore si considererà assente a tutti gli effetti.

Si procederà quindi, direttamente sul posto, all'assegnazione ad altri operatori presenti, seguendo l'ordine della graduatoria di cui sopra.

Alle stesse sarà presente personale della Polizia Locale, per collaborare e garantire il rispetto dell'ordine pubblico.

Tutti gli operatori presenti partecipanti alla spunta dovranno sottoscrivere un apposito registro.

Gli agenti della Polizia Locale verificheranno i posteggi non occupati e ne daranno notizia al personale incaricato della "spunta".

Un addetto del Comune chiamerà ad alta voce l'operatore che, in base alla graduatoria, ha diritto all'assegnazione; qualora, questo non si presenti, dopo un secondo appello, verrà collocato in fondo alla graduatoria di spunta, mantenendo comunque la posizione occupata nella graduatoria generale della Fiera per le successive edizioni.

L'operatore chiamato avrà diritto al posteggio fra quelli disponibili; in caso di rifiuto sarà collocato in fondo alla graduatoria di spunta, mantenendo comunque la posizione occupata nella graduatoria generale della Fiera.

Dopo l'assegnazione potrà essere concessa la sostituzione del posteggio nell’ambito della stessa merceologia, solo in caso gli operatori interessati consentano allo scambio reciproco e non sussistano motivi ostativi sotto l'aspetto igienico-sanitario.

Qualora un operatore inserito in graduatoria, non presente all'atto della chiamata, giunga in ritardo, ma comunque ad operazione non ancora conclusa, potrà partecipare all'assegnazione dei posteggi ancora disponibili.

I posteggi eventualmente ancora disponibili, dopo l'esaurimento della graduatoria, saranno assegnati mediante sorteggio agli operatori presenti purché siano in possesso dell'autorizzazione al commercio su area pubblica. Gli operatori che non hanno presentato la domanda di partecipazione alla Fiera, che ottengano o meno la concessione del posteggio, non acquisiscono alcun punteggio nella graduatoria generale.

Concluse le operazioni di spunta, non saranno più ammesse altre variazioni. E’ fatto assoluto divieto di subconcedere a terzi la concessione.

Art. 4
E' consentito l'esercizio dell'attività di vendita mediante l'uso di veicoli, se appositamente attrezzati ed in possesso delle caratteristiche previste dalle vigenti norme igienico-sanitarie.

Art. 5
Le tariffe per la concessione del suolo pubblico sono determinate sulla base delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti e sono applicate secondo le modalità in atto. Ogni partecipante dovrà versare una cauzione di euro 100,00 a garanzia di eventuali danneggiamenti del suolo e del verde pubblico Qualora l'operatore non ottemperi al pagamento nei termini stabiliti dal competente Settore, potrà essere disposta la sospensione o la revoca della concessione del posteggio.

Art. 6
Gli operatori potranno occupare il posteggio loro assegnato a partire dalle ore 12.00 del sabato e fino alle ore 02.00 del lunedì seguente.

I concessionari non possono occupare superficie maggiore o diversa da quella espressamente assegnata, né occupare, anche con piccole sporgenze, spazi comuni riservati al transito, passi carrabili, ingressi a negozi o private abitazioni.

Le tende di protezione al banco di vendita non devono sporgere oltre i limiti, in verticale, dall'area di posteggio e devono essere collocate ad una altezza dal suolo non inferiore a ml. 2,20, e non possono sporgere per più di 25 cm per ogni lato fatta eccezione per i lati rivolti al pubblico per i quali la sporgenza non deve superare un metro rispetto a quella autorizzata al suolo, purchè, in ogni caso, non intralcino il posteggio attiguo o i passaggi destinati al pubblico.

E' consentito mantenere nel posteggio propri veicoli, siano essi attrezzati o meno per l'attività di vendita, a condizione che sostino entro lo spazio destinato a posteggio.

L'allacciamento elettrico fornito è obbligatorio, e la fornitura dell’energia verrà erogata sino all’1.00 del mattino. Le spese dei relativi consumi sono a carico di ciascun operatore e sono proporzionate al numero di Kw utilizzati.

E' assolutamente vietato, per motivi di tutela dall'inquinamento acustico ed atmosferico, l'uso di generatori di corrente. E' ugualmente vietato l'uso di altoparlanti, o quant'altro possa turbare o compromettere l'ordinato e sicuro svolgimento della Fiera.

I venditori di apparecchi, dischi, musicassette ecc. possono far funzionare gli apparecchi riproduttori sonori solo ad un volume tale da non arrecare disturbo alle occupazioni, al riposo delle persone ed all'ordinato svolgimento della manifestazione e nel rispetto nei limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno contenuti nel D.P.C.M. 1.3.1991.

Durante lo svolgimento dell’attività, gli operatori dovranno tenere con sè ed esibirla ad ogni richiesta degli organi di controllo l’autorizzazione commerciale in base alla quale è stato richiesto ed ottenuto il posteggio, in originale.

Ai concessionari di posteggi è fatto divieto di:

a)occupare il posteggio ed effettuare le vendite nelle ore eccedenti l'orario stabilito;
b)adottare sistemi di vendita che arrechino disordine nella fiera ed alla circolazione stradale;
c)vendere generi facilmente infiammabili senza adottare le relative cautele e prescrizioni;
d)detenere materie che siano causa di cattive o nocive esalazioni;
e)sostare, dopo l'inizio delle operazioni di vendita, con veicoli ed altri mezzi di trasporto che non servano da banco o sostegno alle merci e non trovino sistemazione nello spazio assegnato;
f)svolgere attività diverse dalla vendita dei generi consentiti;
g)fare attacchi agli impianti esistenti per l'illuminazione di energia elettrica o installare prese d'acqua, senza le necessarie autorizzazioni;
h)danneggiare in qualsiasi modo il suolo, le piante, gli alberi, le prese d'acqua ed elettriche;
i)praticare affissioni o iscrizioni di qualsiasi genere, se non preventivamente autorizzate dall'Autorità Comunale;
j)collocare tende, assiti od altra opera fissa o mobile o anche merci, in modo da danneggiare o intralciare l'esercizio di vendita attiguo o i passaggi destinati al pubblico;
k)accatastare merci nei posteggi o sui banchi in modo da costituire un pericolo per l'incolumità delle persone;
l)depositare o esporre merce sul suolo, salvi i casi di cui al successivo art. 7.
m)lasciare animali liberi;
n)accendere fuochi.

Art. 7
Si intendono integralmente richiamate, in quanto applicabili, le disposizioni di carattere igienico-sanitario stabilite, oltre che dalle leggi e dai regolamenti vigenti in materia, dall'ordinanza del Ministero della Sanità del 02.3.2000 e dalla circolare dell'A.S.L. del 28.5.1984 n. 11921/83, concernente le manifestazioni all'aperto con contorno gastronomico.

Il mancato rispetto delle norme di carattere igienico-sanitario può comportare, nei casi più gravi, oltre alle sanzioni previste dalla legge e dai Regolamenti, l'esclusione dalle future edizioni della Fiera.
I prodotti alimentari sfusi devono essere contenuti in apposite vetrine, in modo da proteggerli dalla polvere e da possibili contaminazioni.

Le merci devono essere esposte all'altezza minima dal suolo di cm 50. Ai soli venditori di calzature, terraglie, piante e fiori, ferramenta, giocattoli, quadri ed articoli di arredamento è consentita l'esposizione a terra della merce posta in vendita.

Art. 8
L'attività di vendita degli operatori ammessi a partecipare alla Fiera nella giornata di sabato 24 giugno è consentita dalle ore 13.00 alle ore 01.00 del giorno successivo con tolleranza di 1 ora ovvero sino alle ore 02.00. Nella giornata di domenica 25 giugno l’attività di vendita è consentita dalle ore 07.00 fino alle ore 01.00 del giorno seguente.

Art. 9
Durante lo svolgimento della Fiera, è vietato l’esercizio in forma itinerante del commercio su area pubblica nelle aree circostanti fino ad una distanza di 500 metri.

Art. 10
Ai trasgressori saranno applicate le sanzioni previste dalle disposizioni.
Nell'esercizio dell'attività di vendita devono inoltre essere rispettate tutte le norme vigenti, con particolare riguardo alle seguenti:

  • divieto di vendere bevande alcoliche di qualsiasi gradazione, se non in recipienti chiusi e nel rispetto dei limiti e delle modalità di cui all'art. 176 del Regolamento di Esecuzione del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, nonché di vendere o esporre armi, esplosivi od oggetti preziosi;
  • il venditore deve esporre al pubblico, in modo ben visibile, il prezzo di vendita dei prodotti;
  • gli strumenti destinati alla pesatura devono essere regolarmente bollati, puliti e collocati in modo ben visibile frontalmente agli acquirenti in modo che questi possano controllare il peso;

La vigilanza in ordine al rispetto di quanto disposto con il presente provvedimento è affidata agli agenti di Polizia Locale e a tutti gli altri organi di Polizia.

Cremona, 4 aprile 2018

IL SINDACO
Prof. Gianluca Galimberti

Allegati: 

Tipologia
Ordinanze
Categoria di Ordinanze