Il classico nella modernità: Le rovine come paesaggio emotivo nella pittura moderna

Versione stampabileVersione PDF

Incontro dal titolo "Le rovine come paesaggio emotivo nella pittura moderna".

Testimoni di una grandezza perduta? Oggetto di conoscenza e studio di antiche civiltà? Simbolo della precarietà di ogni opera umana e della vita stessa? Ognuna di queste chiavi interpretative, spesso intrecciate l’una all’altra, trova spazio nella pittura di rovine.
Dalla percezione delle rovine dell’uomo rinascimentale, sino alla visione preromantica, l’incontro cercherà di mettere a fuoco la ‘dimensione’ emotiva dei ruderi antichi, così come essa andrà affermandosi soprattutto nel secondo Settecento, quando il ‘paesaggio di rovine’ sarà presentato in chiave affettiva, impregnandosi di una sensibilità legata alla malinconia, anche alla luce delle riflessioni teoriche di Denis Diderot e di René de Chateaubriand.
Un percorso che si snoderà attraverso la presentazione di opere di grandi maestri quali, solo per citarne alcuni, Jan Gossaert e i suoi amici olandesi - che nel Cinquecento scoprivano Roma e le sue meraviglie -, Poussin e Lorrain - cantori di campagna romana costellata di antichità-, il visionario Piranesi e il nostalgico Hubert Robert…

Relatrice:

  • Raffaella Colace

Date dell'evento: 

13/04/2018

Ore 18.00

Museo Archeologico S. Lorenzo
Via S. Lorenzo, 4
26100 Cremona , CR
Cremona IT

Organizzatori: 

Evento nella Rassegna: 

Tipologia
Eventi
Categoria di Eventi