Avviso esplorativo finalizzato all’individuazione degli istituti di credito interessati a presentare agevolazioni particolari in collaborazione con il Comune di Cremona per incentivare gli investimenti e valorizzare il capitale territoriale

Versione stampabileVersione PDF

Data di pubblicazione: 

26/02/2018

Data di Scadenza: 

19/03/2018

1. Finalità

Il Comune di Cremona sta lavorando da tempo per dare nuovo “peso” alla città con politiche di sistema che facciano emergere le caratteristiche distintive del territorio e permettano di poter strutturare efficacemente i suoi asset e le sue potenzialità.

L'implementazione di fattori competitivi ed il miglioramento dell'offerta territoriale possono rappresentare forti elementi attrattivi per i possibili investitori, che attraverso percorsi di semplificazione ed uno strutturato sistema di incentivi, possono individuare nel territorio cremonese il contesto favorevole per la crescita e lo sviluppo.

Con la presente iniziativa, in particolare, il Comune di Cremona intende coinvolgere gli Istituti di credito presenti sul territorio cittadino in forme di collaborazione finalizzate ad offrire ai potenziali investitori un “pacchetto” di soluzioni agevolative in grado di facilitare la costruzione di un ambiente favorevole per la realizzazione dell'investimento.

2. Tipologia di interventi

L'intervento prevede la partecipazione attiva degli Istituti di credito affinché possano affiancare alla serie di agevolazioni già previste dal Comune, condizioni attrattive e competitive per incentivare l'investimento e l'economia locale.

A tale proposito vengono dettagliate, di seguito, le tipologie di agevolazioni individuate dal Comune di Cremona al fine di incoraggiare gli investimenti:

a) Agevolazioni per la rivitalizzazione del Centro Storico

  • A favore di nuove attività:

si tratta di agevolazioni finalizzate ad incentivare l'insediamento di alcune attività ritenute strategiche per uno sviluppo sostenibile della città quali il commercio di vicinato, l'artigianato (di servizio e artistico), il terziario (alberghi, pubblici esercizi, strutture ricettive, istruzione formazione e assistenza, attività culturali) e gli studi professionali all'interno del Centro Storico, come da PGT.

Entità dell'agevolazione:

  • applicazione dell'aliquota ridotta IMU pari allo 0,76% per le unità immobiliari destinate ai nuovi insediamenti sopra citati, provenienti da un periodo di mancata locazione di almeno anni uno. L'agevolazione è applicata per la durata di anni 5 (cinque) con decorrenza dalla data del nuovo insediamento, come risultante da visura camerale. Per “nuovi insediamenti” si intendono quelli realizzati dal 01/01/2017 al 31/12/2020;
  • riduzione degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria per l'insediamento delle attività sopra richiamate.
     
  • A favore della ristrutturazione degli immobili:

si tratta di misure finalizzate ad incentivare gli interventi di recupero/ristrutturazione degli immobili dismessi all'interno del centro storico. Si prevede la rinuncia ad una quota di standard/monetizzazione attraverso la ridefinizione del parametro di calcolo delle aree standard contenuto nel Piano dei Servizi da 1,5 mq/mq a 1,00 mq/mq (tale modifica rientrerà nella variante al PGT in corso di definizione).

b) Agevolazioni per il recupero delle aree dismesse

Si prevedono agevolazioni IMU per favorire il recupero di aree dismesse, anche al fine di disincentivare il consumo di suolo.

Entità dell'agevolazione

  • Per gli immobili ad uso produttivo nel gruppo catastale D, di cui alle fattispecie sotto elencate, è stabilita la non applicazione dell'aumento percentuale dell'aliquota standard dello 0,76%. L'agevolazione si applica per la durata di 5 anni dalla data di insediamento della nuova attività produttiva, come risultante da visura camerale:
    fabbricati di nuova costruzione e ristrutturazione di edifici dismessi destinati all'insediamento di nuove attività produttive a carattere industriale, artigianale realizzati nelle aree dismesse individuate dal Comune.
     
  • Per gli immobili classificati nei gruppi catastali A/10, C/2 e C/3, di cui alle fattispecie sotto elencate, è stabilita un'aliquota ridotta pari allo 0,76%. L'agevolazione si applica per la durata di 5 anni dalla data di insediamento della nuova attività, come risultante da visura camerale:
    fabbricati di nuova costruzione e ristrutturazione di edifici dismessi destinati all'insediamento di nuove attività a carattere terziario e artigianale realizzato nelle aree dismesse individuate dal Comune.

Per “nuovi insediamenti” si intendono quelli realizzati dal 01/01/2017 al 31/12/2020.

c) Agevolazioni a favore dell'area del Polo Tecnologico

Sono previste agevolazioni IMU per i fabbricati di nuova costruzione (di cui ai gruppi catastali A/10, C/2 e C/3), di cui alle fattispecie sotto elencate, nella misura di un'aliquota ridotta pari allo 0,76%:

  • fabbricati di nuova costruzione destinati all'insediamento di nuove attività a carattere terziario avanzato realizzato nell'area ex Annonario. L'agevolazione si applica per la durata di 5 anni dalla data di insediamento della nuova attività, come risultante da visura camerale.

Per “nuove attività produttive” si intendono quelle insediatesi dal 01/01/2017 al 31/12/2020.

d) Agevolazioni a favore delle aree e degli immobili individuati nel progetto AttrACT – Accordi per l'attrattività

Sono previste agevolazioni per nuovi insediamenti realizzati nelle seguenti aree ed edifici di proprietà pubblica e privata, inseriti nel circuito di promozione avviato da Regione Lombardia e dal sistema camerale lombardo nell'ambito del programma denominato AttrACT – Accordi per l'Attrattività:

Di proprietà comunale:

  • Area Via Castelleone
  • Edificio S. Francesco
  • Edificio Radaelli

Di proprietà privata:

  • Area Via Mantova
  • Area Via Riglio
  • Area De Berenzani (area via Sesto)
  • Area Picenengo
  • Edificio Corso Garibaldi
  • Edificio Corso Matteotti
  • Edificio Via Ghinaglia

Entità dell'agevolazione

Si prevede l'applicazione dell'aliquota IMU ridotta pari allo 0,76% per la durata di 5 anni con decorrenza dalla data di acquisizione delle unità immobiliari oggetto del nuovo insediamento. L'agevolazione viene concessa a condizione che la suddetta acquisizione si realizzi entro il 31/12/2021.

Si prevede altresì l'esenzione TARI per i primi due anni per i nuovi insediamenti in tali aree purché realizzati entro il 31/12/2021.

E' prevista infine la riduzione degli oneri di urbanizzazione.

3. Oggetto della rilevazione

La rilevazione oggetto del presente avviso concerne la verifica della disponibilità degli Istituti di credito a mettere a disposizione un “pacchetto” di condizioni favorevoli ad integrazione degli impegni già messi in campo dal Comune di Cremona ed elencati nel precedente art. 2.

Gli Istituti di credito interessati al presente avviso sono invitati a formulare le rispettive proposte declinandole nelle voci sottoelencate ed integrandole con ulteriori eventuali formule e/o condizioni di vantaggio per gli investitori.

Condizioni erogazioni mutui
1. Durata    
Spread a tasso fisso/ spread a tasso variabile  
3. Spese istruttorie  
4. Tempi  
5. Plafond messo a disposizione  
6. Prestito agevolato per avviamento  
7. Offerte per tipologie – start up  

Le proposte potranno riferirsi all'intero pacchetto di agevolazioni individuate dal Comune di Cremona oppure ad una o più parti di esso.

4. Destinatari dell’avviso e requisiti

Possono presentare domanda di partecipazione al presente avviso gli Istituti di credito o altri soggetti che, secondo quanto previsto dall'art. 10 del D.Lgs. 1 settembre 1993 n. 385 (Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia) sono abilitati a svolgere il servizio di raccolta del risparmio fra il pubblico, di credito e ogni altra attività finanziaria strumentale e/o connessa alle precedenti, che abbiano i requisiti richiesti.

Gli stessi dovranno possedere i requisiti generali sotto elencati, da dichiarare nella domanda di partecipazione:

  • possedere l'abilitazione a svolgere l'attività di cui all'art. 10 del D.Lgs. n. 385/1993, l'iscrizione all'albo di cui all'art. 13 e di essere in possesso dell'autorizzazione all'attività bancaria di cui all'art. 14 del medesimo decreto (Testo Unico Bancario);
  • essere iscritto nel registro imprese presso la C.C.I.A.A.;
  • insussistenza di cause ostative ex art. 67 del D.Lgs. n. 159/2011 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione);
  • essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili ai sensi della L. 68/99 e di essere in regola con le norme che incentivano l'emersione dell'economia sommersa ai sensi della Legge n. 383/01;
  • essere in regola con tutti gli adempimenti di legge nei confronti dei lavoratori dipendenti, nonché degli obblighi previsti dal D.lgs. n. 81/08 per la sicurezza e la salute dei luoghi di lavoro;
  • non presentare altre cause di incompatibilità alla partecipazione attiva al processo come sopra descritto;
  • possedere uno sportello operativo nell'ambito del territorio del comune di Cremona;
  • essere in possesso di adeguate capacità economico/finanziarie e di solvibilità richieste dalla normativa.

I requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda di partecipazione al presente avviso.

5. Responsabilità ed obblighi dei soggetti proponenti

I soggetti proponenti sono soggetti ai seguenti obblighi:

  • curare la conservazione della documentazione relativa alla partecipazione al presente avviso;
  • comunicare al Comune di Cremona eventuali variazioni circa le informazioni fornite, entro il termine di 10 giorni dall’avvenuta variazione;
  • impegnarsi a produrre i documenti integrativi eventualmente richiesti;
  • impegnarsi a comunicare al Comune eventuali contatti con investitori interessati.

6. Termini per la presentazione

Le domande di partecipazione al presente avviso dovranno pervenire entro e non oltre il giorno lunedì 19 marzo 2018.

Il Comune si riserva la facoltà di raccogliere successivamente, oltre il termine del presente avviso, proposte che gli Istituti di credito interessati potranno formulare per la finalità di cui all'art. 1.

7. Modalità di presentazione

L'adesione ai sensi del presente avviso è presentata compilando l’Allegato A - “Domanda dell'Istituto di credito a presentare un pacchetto di condizioni economiche favorevoli per i possibili investitori” nonché producendo la proposta vera e propria declinata secondo l'impostazione di cui al precedente art. 3.

L'allegato A, come sopra indicato e compilato, unitamente alla proposta con le condizioni economiche di vantaggio possono essere inviati secondo le seguenti modalità:

  • presentazione a mano presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Cremona - piazza del Comune, 8 - Cremona (negli orari di apertura al pubblico dello Sportello, con accesso da piazza Stradivari, 7);
  • invio di lettera raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: Comune di Cremona, piazza del Comune 8 – 26100 Cremona – per le domande spedite a mezzo posta raccomandata non fa fede il timbro postale: pertanto le domande dovranno pervenire all'Ufficio Protocollo entro il termine sopra indicato;
  • tramite posta elettronica certificata all'indirizzo PEC: protocollo@comunedicremona.legalmail.it (proveniente esclusivamente da altra casella di posta elettronica certificata e firmata digitalmente).

Con l'adesione l'Istituto di credito, consapevole delle sanzioni penali previste nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione o uso di atti falsi, richiamate dall'articolo 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, dichiara e sottoscrive sotto la propria responsabilità:

  • il possesso dei requisiti di cui all’art. 4 del presente avviso;
  • che quanto dichiarato nella domanda di partecipazione corrisponde al vero;
  • di essere consapevole che la partecipazione al presente avviso non implica in nessun caso impegni giuridici, finanziari, amministrativi o altre responsabilità, dirette o indirette, da parte del Comune di Cremona;
  • di autorizzare il Comune di Cremona all’utilizzo delle informazioni fornite con la domanda di partecipazione per le finalità di cui all’art. 1 del presente avviso;
  • di dare il consenso al trattamento dei dati personali.

8. Esame delle proposte

Il Comune di Cremona nominerà, immediatamente dopo la scadenza di cui all'art. 6, apposita commissione per l’esame delle proposte in termini di completezza dei dati forniti e di rispondenza alle esigenze evidenziate.

La commissione si riserva di chiedere integrazioni alla domanda, da fornire in tempi congrui rispetto alla realizzazione degli obiettivi.

Eventuali proposte che, anche a seguito delle indicazioni fornite, non avessero i requisiti richiesti, non saranno ritenute congruenti alle finalità del presente avviso.

Il Comune provvederà, al termine della fase istruttoria, a costituire un elenco delle proposte pervenute al fine di metterlo direttamente a disposizione dei soggetti interessati. Saranno altresì valutate eventuali ulteriori forme di supporto del Comune – in veste di facilitatore – nei termini e secondo le modalità consentite dall'ordinamento e laddove ritenute utili al perseguimento delle finalità di cui all'art. 1 del presente avviso.

9. Informazioni

Il Responsabile del procedimento è la dott.ssa Mara Pesaro.

Per maggiori informazioni rivolgersi a:
Comune di Cremona - Settore Sviluppo Lavoro, Area Omogenea e Ambiente
Via Aselli 13/A
Referente: Simona Bolzoni – tel. 0372 407673 – areavasta@comune.cremona.it

10. Informativa in materia di protezione dati personali

Il Codice in materia di protezione dati personali (D. Lgs. 196 del 30.06.2003) prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali.

Ai sensi dell’art. 13 del Codice informiamo che:

  • i dati forniti verranno trattati allo scopo di rilevare informazioni circa gli Istituti di credito interessati a forme di collaborazione con il Comune di Cremona finalizzate a rafforzare la capacità attrattiva del territorio attraverso la messa a sistema di agevolazioni economiche, bancarie e di semplificazione che possano stimolare l'interesse di possibili investitori e contribuire a dare rilancio all'economia locale;
  • il trattamento sarà effettuato con modalità manuale e informatizzata;
  • il conferimento dei dati è obbligatorio;
  • i dati di cui all’allegata proposta di condizioni economiche vantaggiose saranno utilizzati per mettere a sistema il ventaglio di agevolazioni e di condizioni vantaggiose finalizzate ad attrarre i possibili investitori;
  • il Titolare del trattamento è il Sindaco del Comune di Cremona, prof. Gianluca Galimberti;
  • il Responsabile del trattamento dati è la Dirigente del Settore Sviluppo Lavoro, Area Omogenea e Ambiente, dott.ssa Mara Pesaro, a cui rivolgersi per l'esercizio dei diritti;
  • in ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del Titolare ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. 196/2003, in particolare potrà chiedere l’aggiornamento, la rettifica ovvero l’integrazione dei dati e, ricorrendone gli estremi, la cancellazione o il blocco degli stessi.

Cremona, 26 febbraio 2018

Il Dirigente del Settore
Sviluppo Lavoro, Area Omogenea e Ambiente
F.to dott.ssa Mara Pesaro

Allegati: 

Categoria di Bandi: 

Percorsi di navigazione
Mi Interessa
Io Sono