Visita guidata alla mostra di Luigi Miradori detto il “Genovesino”

Versione stampabileVersione PDF

La visita organizzata dal Touring e guidata dal professor Valerio Guazzoni, uno dei tre curatori della mostra, si svolgerà nelle sale del museo civico. ma non si deve dimenticare che è stato predisposto un itinerario che si può percorrere autonomamente in città e nel territorio dove si trovano molti dipinti del Genovesino, a partire dal Palazzo Comunale, dove sono esposti la Moltiplicazione dei pani e dei pesci e l’Ultima cena; altra tappe fondamentali l’altare di San Rocco in Duomo, quindi la cappella di sinistra nel transetto di San Marcellino e la chiesa di Santa Maria Maddalena.

Genovesino ebbe un rapporto molto stretto con questa chiesa, infatti nel 1639 prese casa nell'attuale via XI febbraio e vi restò tutta la vita, fece battezzare qui i suoi figli e nel 1654-55 divenne priore della Compagnia del Santissimo Sacramento. In Santa Maria Maddalena è possibile ammirare uno dei suoi migliori dipinti. Il Miracolo della Madonna che riattacca la mano a san Giovanni Damasceno, realizzato nel 1648 per l'altare fondato da Giovanni Scaglia.

Luigi Miradori detto il Genovesino è il principale protagonista della pittura nella città lombarda dalla metà degli anni trenta del Seicento fino alla morte, avvenuta nel 1656 e ricopre un ruolo di eccellenza nel panorama figurativo del barocco nell’Italia settentrionale.
La mostra si configura come un’esposizione monografica che rende conto delle varie tappe del percorso stilistico del Miradori, dagli esordi a fino all'arrivo a Cremona dove entrò in rapporto con l’aristocrazia e con il castellano spagnolo, don Álvaro de Quiñones. L’abilità ritrattistica, il tema dellaVanitas, il gusto picaresco, quasi in parallelo con i bamboccianti attivi a Roma, i molteplici influssi, secondo una mappa da intendere più variegata rispetto al passato – Genova e Milano, i pittori attivi alla corte di Parma, Guido Reni e Guercino – offrono risposte e aprono nuove prospettive di ricerca sull’artista. Sono esposte opere di piccole e medie dimensioni, “quadri da stanza” in gran parte di soggetto profano, che indicano la varietà dei temi affrontati dal pittore ai livelli formali più sostenuti. Segue, in sequenza cronologica, la sfilata dei
dipinti d’altare.

LA PRENOTAZIONE È OBBLIGATORIA entro Domenica 22 Ottobre
(è importante confermare la propria adesione in tempo per valutare se organizzare la formazione di un secondo gruppo)

Date dell'evento: 

28/10/2017 - 15:00
Museo Civico
Via Ugolani Dati 4
26100 Cremona , CR
Cremona IT

Prezzo: 

Quota individuale di partecipazione: Soci € 8,00 Non Soci € 10,00

Organizzatori: 

Tipologia
Eventi
Categoria di Eventi