Definizione agevolata delle somme oggetto di ingiunzione fiscale emessa da Abaco S.p.A. dal 1/1/2007 al 31/12/2016

Versione stampabileVersione PDF

Chi ha ricevuto un’ingiunzione fiscale da parte di Abaco S.p.A. per non aver pagato al Comune quanto dovuto (tributo, canoni, affitti, sanzione, ecc) e decide di pagare ora, può chiedere una riduzione sulla cifra da versare (definizione agevolata):

  • se l’ingiunzione riguarda un tributo, chiedendo la definizione agevolata NON si paga la SANZIONE AMMINISTRATIVA (si paga solo il tributo dovuto, gli interessi e le spese di riscossione/notifica)
     
  • se l’ingiunzione riguarda una sanzione per violazione del Codice della strada, chiedendo la definizione agevolata NON si pagano gli INTERESSI (si paga solo la sanzione originaria, la sanzione per il mancato pagamento e le spese di riscossione/notifica).

La possibilità di riduzione riguarda solo le ingiunzioni fiscali emesse e notificate da parte di Abaco S.p.A. dal 1/1/2007 al 31/12/2016.

Destinatari del servizio: 

Tutti coloro che hanno ricevuto un’ingiunzione fiscale, emessa e notificata da parte di Abaco S.p.A. tra il 1/1/2007 e il 31/12/2016 per somme non pagate al Comune di Cremona, e che non hanno ancora saldato il debito.

Può chiedere la definizione agevolata anche chi ha già pagato in parte la somma dovuta, purché sia in regola con il pagamento delle rate fino al 31/12/2016.

ATTENZIONE: per la definizione agevolata delle somme oggetto di cartelle di pagamento emesse da Equitalia S.p.A. dal 1/1/2000 al 31/12/2006, vedi la relativa scheda informativa nella sezione "Ti potrebbe interessare anche" di questa scheda.

Quando richiedere il servizio: 

La definizione agevolata deve essere richiesta entro il 31/03/2017.

Come accedere al servizio: 

Per chiedere la definizione agevolata è necessario compilare l’apposito modulo disponibile nella sezione "modulistica" di questa scheda, sul sito di Abaco S.p.A. all’indirizzo: www.abacospa.it oppure può essere ritirato presso gli uffici del R.T.I. ICA/Abaco di Cremona.

Il modulo, debitamente compilato, deve essere presentato ad Abaco S.p.A. mediante:

    • consegna allo sportello R.T.I. I.C.A./Abaco – Viale Trento e Trieste n. 16;
    • e-mail all’indirizzo definizioneagevolata@abacospa.it;
    • fax 0423/1990616;
    • posta raccomandata A/R all’indirizzo Abaco S.p.A. – Via Risorgimento n. 91 – 31044 Montebelluna (TV).

Entro il 31/05/2017 Abaco comunica all’interessato se la richiesta di definizione agevolata è corretta ed è stata accolta.

Il pagamento

È possibile pagare quanto dovuto in un’unica rata, entro il 31 luglio 2017, oppure in più rate, purché la rateizzazione si concluda entro il 30 settembre 2018.

Le rate possono essere:

  • per importi superiori a 1.000 €, 2 rate con scadenza: 31/07/2017 – 30/09/2017
  • per importi superiori a 2.000 €, 3 rate con scadenza: 31/07/2017 – 30/09/2017 – 30/11/2017
  • per importi superiori a 5.000 , 5 rate con scadenza: 31/072017 - 30/09/2017 - 30/11/2017 - 30/04/2018 - 30/09/2018.