Si richiede cortesemente la fornitura di maggiori dettagli tecnico-operativi sui servizi richiesti al fine di poter correttamente valutare la fattibilità degli stessi e l’eventuale necessità di ricorrere a raggruppamenti temporanei. In particolare ...

Versione stampabileVersione PDF

Si richiede cortesemente la fornitura di maggiori dettagli tecnico-operativi sui servizi richiesti al fine di poter correttamente valutare la fattibilità degli stessi e l’eventuale necessità di ricorrere a raggruppamenti temporanei.

In particolare si prega di specificare:

  1. la modalità/strumento richiesti per lo svolgimento della riscossione coattiva dei tributi e delle entrate comunali;
  2. le modalità previste per la gestione della riscossione volontaria;
  3. le modalità richieste per l’attività di supporto alla Polizia Locale per la gestione dei verbali per violazione del CdS;
  4. le modalità richieste per l’attività di supporto all’ufficio tributi per le attività svolte in forma diretta di controllo dell’evasione fiscale e di accertamento dei tributi maggiori;
  5. se richiesta la fornitura di applicativi gestionali;
  6. se richiesta l’apertura di sportelli/sedi operative a carico del concessionario.

Risposta: 

  1. Il Concessionario provvede al recupero delle entrate non riscosse dal Comune in via ordinaria, tramite la procedura dell’ingiunzione fiscale disciplinata dal Regio Decreto n. 639 del 14/04/1910, come successivamente modificato ed integrato oppure tramite le altre modalità consentite al concessionario dalle disposizioni legislative vigenti.
    La riscossione coattiva delle somme risultanti dall’ingiunzione fiscale, oppure dalle altre modalità consentite al concessionario dalle disposizioni legislative vigenti, è attuata dallo stesso, secondo le disposizioni contenute nel titolo II del DPR n. 602/1973, in quanto compatibili, come permesso dall’art. 4, comma 2-sexies della Legge n. 265/2002 e dall’art. 36 del D.L. 31/12/2007 n. 248.
  2. Il versamento dell’imposta sulla pubblicità, dei diritti sulle pubbliche affissioni, deve essere effettuato mediante conto corrente postale intestato al Concessionario, o per contanti previo rilascio di quietanza utilizzando appositi bollettari preventivamente vidimati.
    Per valorizzare l'aspetto della semplificazione e facilitazione di pagamento da parte del cittadino dovranno essere previste almeno le seguenti forme di pagamento:

    1. Bollettino postale;
    2. Bollettino postale premarcato a rendicontazione automatizzata (modello TD896);
    3. Domiciliazione bancaria con addebito in conto corrente SEPA (SDD);
    4. Bollettino bancario "Freccia";
    5. Sportelli bancari della Tesoreria del Comune e di eventuali altri istituti di credito situati nel territorio del Comune di Cremona per mezzo di apposite convenzioni;
    6. Sportello concessionario mediante denaro contante, Carta di Credito, Carta bancomat, Assegno circolare ed altri eventuali sistemi di pagamento elettronici;
    7. On line mediante utilizzo di carte di credito;
    8. Sportelli automatici per la riscossione delle entrate comunali (Totem);
    9. Circuito Lottomatica (per il solo servizio di pagamento “prepagato” delle rette scolastiche).

      L'attività svolta dal concessionario comprende l'intera attività gestionale della riscossione, a partire dall'acquisizione della lista di carico, per proseguire con le relative operazioni di elaborazione, stampa e postalizzazione di fatture/bollette/avvisi di pagamento, l'incasso ed il riversamento nelle casse comunali delle somme riscosse con puntuale rendicontazione, nonché l'espletamento della procedura per la riscossione coattiva.
      Al concessionario spetta il compito:

      • di raccolta dei pagamenti effettuati dai contribuenti/utenti, supportandoli nel versamento con servizi di consulenza;
      • di attivare diversi canali di pagamento per agevolare la riscossione e favorire i contribuenti/utenti nel versamento degli importi dovuti evitando perdite di tempo in coda agli sportelli, rapportandosi con gli stessi mediante una comunicazione il più possibile semplice ed efficace;
      • di fornire le informazioni necessarie relative alla rendicontazione ed al monitoraggio delle entrate mediante la messa a disposizione del Comune, di un sistema informatico che costituisca l'interfaccia ed il principale canale di comunicazione fra il concessionario ed il Comune stesso. Tale struttura, trattandosi di una banca dati condivisa (piattaforma di riscossione), deve consentire la ricezione dei flussi di carico provenienti dai competenti uffici comunali e relative operazioni connesse, la rendicontazione e lo scarico dei relativi flussi di ritorno in formato idoneo per l'archiviazione dei dati sugli applicativi in dotazione agli uffici comunali. E' altresì necessario che fra le varie funzionalità offerte dal sistema informatico, come quella di effettuare analisi, ricerche ed estrapolazioni di dati sulle riscossioni, ci sia la possibilità di ottenere un "estratto conto" per profilo utente, identificato tramite codice fiscale, dal quale si rilevi la situazione debitoria complessiva;

      Il processo sulla piattaforma di riscossione si attiva, di norma, per l'espletamento delle fasi ordinarie e coattive, con le seguenti particolarità:

      1. carico nel sistema per l'emissione (stampa, imbustamento, postalizzazione) e riscossione di avvisi, fatture, inviti;
      2. carico nel sistema per la riscossione in fase ordinaria, di avvisi di accertamento del Comune e di verbali (Codice della Strada), la cui notificazione viene regolamentata nel primo caso dal Servizio Entrate del Comune e nel secondo caso dalla ditta aggiudicataria secondo le prescrizioni dei successivi articoli del presente capitolato;
      3. carico nel sistema per la riscossione coattiva; per atti liquidi, certi ed esigibili gestiti in forma diretta dall'Ente (situazioni pregresse e residuali);
      4. entrate di cui all’Imposta di pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni dove l'accertamento, la riscossione e la gestione e relative banca dati sono interamente a cura del concessionario e la contabilità è subordinata a normativa specifica di settore.

      Il sistema informatico messo a disposizione dal concessionario consente l'acquisizione diretta dei flussi di carico (liste di carico) o l'inserimento delle pratiche da parte degli Uffici Comunali direttamente via Web e costituisce il mezzo attraverso il quale lo stesso concessionario e gli uffici comunali, interagendo, sviluppano le successive azioni connesse.
      Su richiesta degli uffici e per agevolare l'utenza, dovrà essere consentita l'effettuazione diretta di versamenti (importi di piccola entità), attraverso la registrazione della pratica e dell'incasso nel sistema informatico di riscossione fornito, con accesso da parte degli uffici comunali che provvedono al rilascio del documento amministrativo. Tale riscossione avverrà con sistemi elettronici, accreditati su conti correnti del concessionario (es. rilascio permessi temporanei di occupazioni di suolo pubblico), il sistema dovrà nel contempo scorporare l'importo pagato ed allocare correttamente nelle entrate le somme a titolo canone/tassa da quelle di diritti di segreteria, bollo (virtuale), permessi di transito ZTL ecc...
      Il sistema informatico, permettendone l'identificazione in ogni momento, deve memorizzare e rendere consultabili le informazioni relative allo stato di lavorazione per ciascun flusso: la data di carico, di validazione di elaborazione delle bozze e relativa approvazione, di stampa e di postalizzazione, oltre alle quantità numeriche ed economiche relative al lotto.
      Il concessionario, circa il formato dei flussi di carico da acquisire, la struttura degli atti e relativi formati, i contenuti delle stampe, la rendicontazione ed i flussi di ritorno, è tenuto ad adeguarsi alle indicazioni dell'Ente ed ai tracciati informatici dallo stesso utilizzati, in base ai diversi applicativi in uso presso i singoli uffici.
      La rendicontazione delle somme riscosse, così come quella delle somme direttamente rimborsate ai contribuenti/utenti aventi diritto, dovrà essere fornita, in forma sintetica ed analitica, contestualmente e nei termini previsti per i riversamenti.
      La rendicontazione dovrà essere suddivisa per ciascuna tipologia di entrata all'interno della quale le riscossioni vengono ripartite per anno di competenza ed ulteriormente per periodo di riferimento, con l'indicazione degli estremi necessari all'identificazione del titolo; inoltre per imposta/tassa, sanzioni, interessi ed addizionali ove trattasi di tributi comunali o sanzioni amministrative.

    10. Oggetto del servizio è:
      • l’affidamento di una serie di attività ed operazioni relativi alla gestione informatica e cartacea delle procedure sanzionatorie amministrative ed adempimenti consequenziali di competenza del Corpo di Polizia Locale. La Ditta aggiudicataria, attraverso proprio personale, dovrà fornire l’erogazione dei servizi sottoindicati;
      • l'affidamento del servizio di gestione di tutti gli atti sanzionatori del Corpo della Polizia Locale di Cremona (in seguito denominato C.P.L.) ed attività ad esso collegate, da effettuarsi secondo le prescrizioni previste dal presente capitolato.

      Il servizio, da svolgere presso locali messi a disposizione dal Comando con personale dipendente della ditta assunto in numero adeguato alle necessità della presente concessione, ad esclusione della stampa ed imbustamento, riguarda la gestione di tutto il ciclo dei verbali, a partire dalla ricezione da parte del personale dipendente del soggetto aggiudicatario dei preavvisi emessi (da inserire nella procedura informatica) fino alla predisposizione dei ruoli per il recupero del credito, completi in ogni sua parte per l'espletamento del servizio di riscossione coattiva ed ordinaria.

      A titolo esemplificativo e non esaustivo il servizio consisterà in:

      • a) attività di gestione delle procedure sanzionatorie amministrative relative a codice della strada, leggi e regolamenti di competenza del CPL;
      • b) servizio di data-entry;
      • c) elaborazione dei dati e stampa notifiche nel rispetto degli obblighi di cui al D. Lgs. 196/2003 "Codice in materia di protezione dei dati personali';
      • d) servizio di notifica dei verbali mediante servizio postale (postalizzazione), con anticipazione delle spese a carico dell'impresa aggiudicataria;
      • e) rendicontazione delle notifiche, e precisamente acquisizione da parte dell'impresa delle cartoline di ricevimento degli atti giudiziari e rendicontazione degli esiti della notifica, scannerizzazione del supporto cartaceo e successivo inserimento dati nella procedura informatica per l'archiviazione elettronica, oltre all'archiviazione nell'ufficio insieme ai documenti cartacei;
      • f) inserimento e rendicontazione dei pagamenti eseguiti dagli utenti mediante conto corrente postale intestato (in seguito C.C.P.), pagamento diretto o altro sistema di pagamento eventualmente attuato in corso di servizio ed acquisizione delle immagini fornite da Poste Italiane;
      • g) utilizzo di un sistema informatico di ultima generazione nonché di hardware di proprietà dell'impresa o regolarmente in uso all'impresa aggiudicataria, per la gestione di infrazioni a Codice della Strada, regolamenti comunali ed altre tipologie di violazioni;
      • i) importazione/conversione (a costo zero) nella nuova procedura del contenuto degli attuali archivi (data base) del C.P.L., nonché elaborazione degli atti ancora giacenti presso l'ufficio verbali per i quali la procedura non risulta ancora ultimata;
      • l) gestione della cassa pagamenti;
    11. Oggetto del servizio è il supporto al progetto del Comune di Cremona per il contrasto all'evasione/elusione fiscale:
      • dei tributi erariali e dei contributi previdenziali, quale attività propedeutica alle cosiddette segnalazioni qualificate per l'emissione di avvisi di accertamento da parte delle amministrazioni competenti (Agenzia delle Entrate, Inps);
      • dei propri tributi locali quale attività propedeutica all'emissione di avvisi di accertamento diretto da parte dell'Ente.

      Si richiede, alla ditta affidataria, lo svolgimento delle seguenti attività a supporto del Servizio Entrate, per tutte le annualità consentite nel periodo di vigenza del contratto:

      • consulenza al Comune e supporto nella definizione delle "segnalazioni qualificate" da trasmettere all'Agenzia delle Entrate, alla Guardia di Finanza ed all'Ente di Previdenza;
      • messa a disposizione di strumenti informatici che, attraverso l’analisi dei dati, consentano la gestione completa del processo di acquisizione e incrocio delle diverse banche dati che la normativa specifica mette a disposizione dei Comuni, consentendo di pervenire quindi alla predisposizione delle “segnalazioni qualificate”, seguendo il processo logico di progressiva raffinazione dei dati.
      • messa a disposizione di un gruppo di lavoro, composto da risorse specializzate, oltre ad un tecnico specializzato per la stima delle aree fabbricabili ai fini accertamento IMU, operante presso gli Uffici dell’Ente; all'interno del gruppo dovrà essere individuato un Referente Tecnico, con comprovata esperienza, per l'interazione con i responsabili dell'Ente;
      • consolidamento dell'Anagrafe Tributaria Comunale: supporto alla realizzazione e aggiornamento banca dati tributaria completa degli oggetti immobiliari d’imposta, alla ricerca dell’evasione e all’accertamento delle entrate pregresse, inserimento delle dichiarazioni e delle denunce e bonifica delle posizioni tributarie.
    12. Al fine di potere svolgere le attività descritte nel presente documento, è richiesto all’aggiudicatario di mettere a disposizione un certo numero di sistemi informativi, ognuno composto da uno o più moduli software tra loro interconnessi ed identificati dai seguenti elementi:
      • a) Software per la gestione dell'Imposta Comunale sulla Pubblicità (ICP), del Diritto sulle Pubbliche Affissioni (DPA) sia per le attività di back office che per il censimento territoriale delle fattispecie impositive;
      • b) Software per la riscossione delle entrate comunali, con possibilità di seguire ciascuna pratica dalla fase ordinaria e di sollecito a quella coattiva, fino alla definizione con il pagamento od il discarico o la proposizione all'Ente di discarico, nei casi di comprovata inesigibilità del credito. Tale software dovrà essere pienamente interfacciato con i gestionali in uso al Comune per consentire ad esempio l'acquisizione delle liste di carico, le bonifiche anagrafiche, prevedendo l'aggiornamento dei software gestionali in uso agli uffici comunali, ritornando agli stessi le informazioni della riscossione, con riferimento al carico.
      • c) Software per la gestione della fatturazione delle rette degli Asili Nido: anagrafiche, registro giornaliero delle presenze, calcolo con gestione quota fissa e quota variabile, parametrizzazione per le riduzioni relative ai "fratelli frequentanti" ed al "numero dei minori" che tengano conto del reddito ISEE, gestione casi sociali, carico automatico nella piattaforma delle fatture (e sgravi), stampa immediata delle fatture e dei bollettini precompilati, da utilizzare per il pagamento, gestione per chiusura ed apertura anno. Il software dovrà essere integrato con la piattaforma di riscossione di cui al punto B).
      • d) Software per l'acquisizione e l'analisi dei dati in tema di partecipazione all’attività di accertamento dei tributi erariali e dei contributi previdenziali degli Enti Locali ai sensi art. 18 Legge 122/2010 c.d. “Segnalazioni Qualificate”;
      • e) Software per la gestione dell’intero iter delle contravvenzioni elevate dalla Polizia Locale di Cremona (in modalità multi-comune in quanto ad uso di altri Enti convenzionati) il cui sistema di rendicontazione specifico di settore, per l'entrata del Comune di Cremona, sia messo in relazione biunivoca col sistema informativo di cui al precedente punto b).
    13. Il concessionario dovrà garantire l’apertura almeno di una sede operativa sul territorio comunale.