Azioni per contrastare l'inquinamento dell'aria

Versione stampabileVersione PDF

Il sindaco Oreste Perri e l'assessore alle Politiche ambientali e Mobilità sostenibile Francesco Bordi invitano la cittadinanza ad adottare misure per contenere lo smog.

Anche il 2013 è iniziato con valori di PM10 oltre la soglia limite. Tutte le centraline di Cremona e provincia hanno registrato valori medi intorno 70-80 microgrammi per metro cubo di polveri sottili. Gennaio, febbraio e marzo sono storicamente i mesi peggiori per l'accumulo di sostanze inquinanti. Lo scorso anno, a fine marzo, si erano contati già 71 superamenti del limite giornaliero, a fronte di un limite annuo di 35 giorni.

L'esperienza ci ha insegnato che più l'inverno è freddo e secco, più si aggrava la concentrazione delle polveri che, data la conformazione della pianura padana, non riescono ad essere disperse. In queste condizioni il Piano regionale contro l'inquinamento può fare poco. La scala regionale non è sufficiente a dare incisività alle limitazioni che si chiede di adottare ed ancor meno i provvedimenti assunti a livello locale nei mesi scorsi volti a ridurre a ridurre la circolazione dei mezzi a motore.

A fronte di questo quadro, nel gennaio 2012, Cremona e i Comuni confinanti hanno stipulato un Protocollo d'intesa più restrittivo della normativa regionale, con il supporto della Prefettura di Cremona, in collaborazione con i Comuni di Brescia e di Mantova.

A metà dello scorso anno, Regione Lombardia ha avviato il PRIA, il nuovo Piano triennale degli interventi per il miglioramento della qualità dell'aria. Seguendo le indicazioni regionali, Cremona e tutti gli altri Comuni che hanno stipulato l'intesa, hanno deciso di sospenderne l'applicazione e di non adottare le limitazioni alla circolazione previste dall'accordo stesso.

Visto che, probabilmente, l'approvazione del PRIA non avverrà prima della fine dell'inverno, il sindaco Oreste Perri e l'assessore alle Politiche Ambientali Francesco Bordi, in accordo coi sindaci dei Comuni confinanti, hanno deciso di riproporre, nel frattempo, alcune indicazioni già contenute nel precedente protocollo d'intesa.

I cittadini sono invitati a mettere in atto alcune pratiche che possono, se non migliorare, almeno contenere e non peggiorare la qualità dell'aria:

  • limitare l'uso del riscaldamento negli edifici privati sancendo il divieto di superamento della temperatura di 20 °C;
  • ridurre la fascia oraria giornaliera di riscaldamento degli edifici di almeno un'ora, salvo casi particolari;
  • invito agli esercizi commerciali a non fare uso di dispositivi che, per favorire l'ingresso del pubblico, consentono di mantenere aperti gli accessi verso i locali interni e conseguentemente a mantenere chiuse le porte.

Dal canto loro gli enti pubblici si impegnano a proseguire le seguenti azioni:

  • ridurre, nei loro uffici, l'uso del riscaldamento imponendo il limite massimo di temperatura in 20°;
  • limitare il riscaldamento nelle scuole pubbliche durante i periodi di chiusura;
  • implementare i controlli per verificare l'attuazione della vigente normativa in materia di emissioni dei veicoli, nonché del rispetto dell'obbligo di spegnere il motore in caso di sosta prolungata;
  • implementare le campagne di controllo delle caldaie;
  • applicare sistemi per migliorare l'efficienza energetica degli edifici pubblici;
  • adottare programmi di mobilità sostenibile (potenziamento del sistema di bike sharing, implementazione di azioni di car pooling e car sharing).

L'attuale Piano invernale antismog (in vigore fino al 15 aprile 2013) prevede la limitazione della circolazione per i mezzi a benzina Euro 0 (detti anche pre-EURO 1) e gli autoveicoli diesel Euro 0, Euro 1 ed Euro 2. Le limitazioni sono in vigore tutti i giorni, con esclusione del sabato, domenica e festività infrasettimanali dalle ore 7.30 alle 19.30. Inoltre, è in vigore il blocco permanente dei motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 senza alcun tipo di deroga, né oraria, né festiva.

Il sindaco Perri e l'assessore Bordi rinnovano l'invito a tutti i cittadini e a quanti vengono giornalmente a Cremona per lavoro a limitare l'uso dei mezzi privati (sia auto che moto), soprattutto se diesel, a favore dei mezzi pubblici e della cosiddetta "mobilità dolce", spostandosi in bicicletta o a piedi, ad utilizzare in modo condiviso l'automobile; a mantenere una velocità costante (sotto i 40 km/h in città e 90 km/h in ambito extraurbano e autostradale); a non riscaldare il motore da fermo.

Sono sconsigliate le prolungate esposizioni ed attività all'aperto specie per anziani, bambini e soggetti in precarie condizioni di salute nelle giornate ad alto inquinamento. Inoltre è opportuno evitare di tenere i bambini ad un'altezza tra i 30-50 cm dal suolo (livello a cui si propagano le emissioni). Si ricorda che la sussistenza di malattie respiratorie e cardiache amplifica gli effetti sulla salute degli inquinanti.

Approfondimenti:
Sportello infosmog
Il nuovo servizio di Car Sharing (auto ecologiche a noleggio)
Il servizio Bike Sharing

Grafico dei giorni di superamento del limite giornaliero del PM10 (periodo gennaio-marzo 2012)

Grafico dei giorni di superamento ripartiti per mese rilevati dalla centralina di Arpa posta in via Fatebenefratelli - anno 2012

Condividi o salva tra i preferiti

Immagini: