Cremona City Hub: il progetto vincitore

Versione stampabileVersione PDF

In questa pagina sono disponibili le immagini progettuali del vincitore e degli altri finalisti


 

7 note per Cremona

IL PROGETTO VINCITORE

7 note per Cremona (Pietro Chierici architetto - Arch. Dario Cea - Jacobs Italia)

Guarda le immagini degli elaborati
Scarica gli elaborati in versione PDF (22 MB)
Relazione progettuale - sintesi dei contenuti (PDF - 3 MB)

VIDEO

Relazione conclusiva del concorso:
Scarica la relazione della giuria (219 KB)

Gli altri progetti:
Territorio e strategie - Caputo Partnerschip srl (Paolo Caputo) (PDF - 29 MB)
GHC - Green City Hub - Federico Oliva Associati (PDF - 19 MB)
Pica Ciamarra Associati PCAint srl - Centro studi TAT Arch. Arturo Maiocchi - Arch. Eugenio Bettinelli - Arch. Enrico Arrighetti (PDF - 24 MB)
MBM arquitectes S.L.P. - Arch. Massimo Del Seppia - Arch. Andrea Pasqualato - Arch. Alessio Accorroni - Arch. Sandro Ghezzani (PDF - 31 MB)
Arch. Franco Zagari - AproStudio - Osa Architettura e Paesaggio (PDF - 13 MB)
Gruppo Monestiroli - Tomaso Monestiroli (PDF - 4 MB)

Dal comunicato stampa del 24/5/2012
Il progetto elaborato da Pietro Chierici architetto, Dario Cea architetto, Jacobs Italia S.p.A. (arch. Pietro Chierici) è il vincitore del Concorso internazionale di idee per la riqualificazione dell'Ambito di trasformazione ex Annonaria denominato Cremona City Hub. Lo ha proclamato la giuria - composta dall'arch. Marco Masserdotti, presidente, dal prof. Pier Luigi Paolillo, vice presidente, dall'ing. Stefano Allegri, dalla dott.ssa Elena Nicotera, dal prof. Massimo Venturi Ferraiolo e dal dott. Marzio Turci, segretario verbalizzante - durante un'apposita seduta svoltasi questa mattina nella Sala Eventi di SpazioComune. La proclamazione è avvenuta dopo l'abbinamento tra gli elaborati codificati e valutati nelle scorse settimane dalla giuria ed i soggetti partecipanti (attraverso l'apertura delle buste già presentate dai sette concorrenti ammessi e rimaste sigillate).

La giuria, ritenendo che le Linee guide espresse dall'Amministrazione fossero del tutto esaustive e tali da rivelare un inequivocabile indirizzo architettonico, urbanistico, ambientale ed economico da doversi interamente riversare nel progetto di riqualificazione dell'ambito, ha valutato gli elaborati presentati rispetto al loro grado di aderenza a tali Linee guida, derivandone in tal modo i punteggi assegnati; di conseguenza, il progetto, corrispondente al codice DMPA316 (abbinato alla busta sigillata contenente il nome del concorrente) è stato ritenuto la migliore traduzione dell'interezza delle Linee guida in un prodotto corrispondente alla lettera, agli intenti e alla strategia dell'Amministrazione comunale.

Tutti i sette progetti presentati saranno esposti in una mostra ospitata nella Sala dei Decurioni di Palazzo Comunale. La mostra sarà inaugurata martedì 12 giugno e rimarrà aperta al pubblico sino a domenica 24 giugno compresa.

Dopo la proclamazione del vincitore e conclusi i lavori della giuria, il vice sindaco e assessore all'Urbanistica Carlo Malvezzi ha dichiarato: "Nel complimentarmi innanzitutto con il vincitore e ringraziando tutti gli altri sei concorrenti, ritengo che oggi lo si possa considerare come un giorno di festa per la nostra città, ma anche un momento di coraggio e di speranza. Tutte le proposte progettuali, nel loro complesso, costituiscono un grande arricchimento per il patrimonio urbano della città. Abbiamo scelto il concorso internazionale di idee perché crediamo nella competizione tra i migliori talenti (senior e junior) per reinterpretare una parte strategica della città. L'Amministrazione crede infatti nella capacità degli uomini di dare risposte adeguate ai bisogni quando sono consapevoli dei propri limiti e quando hanno l'umiltà di guardare e conoscere la realtà. Inoltre, abbiamo voluto, ed è questo un elemento fortemente innovatore, che la qualità urbanistica ed architettonica andasse di pari passo con la sostenibilità economica. Ringrazio tutti i componenti della giuria che hanno lavorato con grande serietà, estrema professionalità, senza risparmiarsi, così da concludere in netto anticipo, sui tempi previsti, il loro compito. La proclamazione del vincitore del concorso internazionale non è un punto di arrivo, bensì di partenza: la proposta progettuale verrà infatti esaminata già da oggi dai nostri tecnici in modo da trasformarla in piano urbanistico attuativo che possa essere pronto prima della fine dell'anno. Il mio auspicio è che, in tal modo, entro il mese di febbraio del 2013 i soggetti interessati a trovare una collocazione nella zona denominata Cremona City Hub, e già abbiamo verificato che ce ne sono soprattutto nel mondo delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione, possano già partire con una realizzazione concreta."

Per una piena ed efficace riqualificazione e valorizzazione dell'area ex Annonaria, denominata Cremona City Hub, comparto urbano di circa 200.000 metri quadrati di ex funzioni pubbliche (ex macello, ex mercato ortofrutticolo, ex mercato del bestiame, magazzini ora di proprietà di AEM Cremona S.p.A.) oltre allo stadio, l'Amministrazione comunale ha indetto un concorso internazionale di idee con una fase di preselezione che ha consentito di individuare, tra le novanta candidature pervenute, i sette concorrenti che si sono poi misurati nella successiva fase progettuale. Sono state loro consegnato delle linee guida, frutto di un'approfondita riflessione, recependo anche le più significative sottolineature raccolte in occasione di una grande consultazione popolare condotta dall'Amministrazione. Gli obbiettivi e invarianti progettuali erano gli "argini" all'interno dei quali la creatività e la capacità progettuale dei concorrenti doveva "scorrere".

In questa pagina sono presenti gli elaborati del progetto vincitore, corredati dalla sintesi della relazione tecnica, nonché le immagini delle proposte progettuali degli altri concorrenti.

Condividi o salva tra i preferiti