DUC - Distretto Urbano del Commercio di Cremona - pagina principale

Versione stampabileVersione PDF

Con decreto del 17 febbraio 2014, la Regione Lombardia ha riconosciuto 33 nuovi "negozi storici" lombardi.
Dell'elenco fanno parte anche due storiche attività di Cremona: la Casa del Busto di C.so Campi, 76, in attività dal 1951 e l'esercizio pubblico l'Imbarcadero di Via del Sale, aperto nel lontano 1946 con il nome di Circolo "Barcaioli e Pescatori".
Salgono così a 46 i negozi storici cremonesi riconosciuti da Regione Lombardia.
Comunicato stampa con elenco dei negozi storici (PDF - 35 KB)
 

Il DUC - Distretto Urbano del Commercio n. 1 - Centro storico

Cremona vanta una ricca esperienza di gestione e sviluppo del commercio ed in particolare del centro storico come ambito privilegiato dello sviluppo della relazione città-mercato.

La gastronomia: i prodotti tipici cremonesi

Nei negozi del Distretto si possono inoltre acquistare i prodotti alimentari della tradizione cremonese contrassegnati dalla Denominazione Comunale di Origine (De.C.O.): la Salsiccia di Cremona,la Torta Bertolina, i Marubini e la Torta Turunina.

Le botteghe storiche

Il Comune di Cremona ha realizzato due itinerari attraverso cui scoprire le botteghe storiche cremonesi, un titolo assegnato da Regione Lombardia agli esercizi con oltre 50 anni di attività.
A Cremona è possibile vivere una esperienza unica, passeggiando tra le vie del centro si può viaggiare nel tempo ed entrare in una pasticceria liberty o in una farmacia del Settecento ...
La città di Cremona vanta, ad oggi, il maggior numero di negozi dichiarati storici di tutta la Regione Lombardia. Per l'elevato livello di professionalità che, grazie alla pluriennale esperienza maturata, i negozi storici offrono ai consumatori, l'iniziativa promuove i principi della qualità e dell'identità territoriale nei diversi settori dell'enogastronomia, della liuteria e del turismo culturale. L'obiettivo è la salvaguardia delle diverse forme di attività commerciale, il loro consolidamento, la loro valorizzazione e la loro promozione entro e fuori i confini comunali, nell'interesse della città e delle future generazioni.

L'arte e la cultura

Il Centro storico di Cremona è un'area di straordinario pregio artistico, storico, architettonico e culturale e di grande attrattività turistica, che funge anche da propulsore e stimolo per lo sviluppo economico dell'intera città. Entro il Distretto si riconosce il nucleo centrale della città e del commercio cittadino, sviluppato attorno alla platea maior dell'antica città romana dove si trovano i principali monumenti cittadini: il Duomo, il Battistero, il Palazzo Comunale e la Loggia dei Militi. Ancora oggi è evidente nello spazio urbano l'antica sinergia, anche fisica, della Cattedrale e della piazza duomo con il commercio cittadino. Ben 12 sono le vie che risalgono alla piazza, e tutte sono pedonali e ospitano attività commerciali, laboratori liutai o artigiani. Si tratta dell'ambito a maggiore vocazione turistica e fa parte del circuito delle "Città d'Arte della Pianura Padana" una rete di città accomunate dalla presenza di attrattive turistiche di grande pregio e caratterizzate da preziosi centri storici vitali.

L'accoglienza: alberghi e ristoranti

Dove alloggiare e dove mangiare in città.

La Liuteria e i mestieri d'arte

Protagonista dell'evoluzione storica del violino, la liuteria cremonese inizia il suo cammino alla metà del secolo XVI con Andrea Amati avviando, ininterrottamente lungo tre secoli, un processo evolutivo che risulta unico al mondo.
Si susseguono, in questi trecento anni, intrecci di "famiglie" composte da liutai per più generazioni, di padre in figlio, da figli a nipoti e pronipoti che, dopo gli Amati, hanno portato i nomi dei Bergonzi, dei Guarneri, dei Ruggeri e degli Stradivari: dinastie di liutai con protagonisti più o meno famosi, ma indistintamente legati dal filo sicuro di una classica tradizione produttiva.
La loro fama percorse tutta l'Europa: le corti reali e principesche commissionavano ai cremonesi gli strumenti per i loro complessi, i più famosi musicisti ambivano possederli e il nome di Cremona liutaria raggiungeva i più alti livelli.
Da allora, con un costante crescendo, vediamo la liuteria cremonese riprendere il suo cammino, con la formazione di nuovi Maestri e l'apertura di nuove botteghe mentre, nel nome della tradizione, si riallacciano rapporti internazionali, si organizzano mostre e concorsi di crescente successo.
Il ciclo si è così concluso ed oggi Cremona, con le sue oltre 130 botteghe liutarie, è ritornata ad esser il punto di riferimento per la liuteria internazionale.

I giardini e il verde

Un ulteriore elemento caratterizzante il Distretto è la particolare cura del verde e delle fioriture nello spazio pubblico. È importante ricordare infatti che i due giardini storici della città furono progettati nel 2004 dal noto architetto Andreas Kipar, che ha creato in entrambi i siti, contesti ad elevato valore ambientale e di grandissimo pregio.I Giardini di Piazza Roma, sono un importante spazio pubblico di ritrovo e sosta per la cittadinanza cremonese, caratterizzato dalla ricerca di mantenere la funzione di "piazza", cercando il giusto equilibrio tra la salvaguardia del giardino storico e la sua funzione ricreativa e naturalistica. Nato come giardino botanico, i Giardini del Vecchio Passeggio sono il più grande parco del centro cittadino, con un'area di circa 18.000 metri quadrati è ubicato nel centro storico della città a ridosso della via Trento e Trieste, nata dalla demolizione delle mura cittadine.

Appuntamenti e manifestazioni

Numerosi eventi e manifestazioni animano le vie e le piazze del centro storico di Cremona: dai Giovedì d'estate alla Festa del Torrone, dal Natale a Cremona alle Fiere tradizionali e ai Mercatini domenicali. I Teatri della città, tra cui il Teatro Ponchielli e il Teatro Filo, offrono stagioni, rassegne e spettacoli per ogni interesse ed esigenza. Numerosi anche i locali che organizzano serate musicali. Il Festival di Mezza Estate è un'altra importante rassegna di spettacoli.

Muoversi a Cremona

Informazioni sui parcheggi,mezzi di trasporto pubblici, Zona a Traffico Limitato e varchi elettronici, cantieri aperti, mobilità sostenibile.

Mappa della città

Mappa e stradario di Cremona con un utile motore di ricerca per trovare facilmente l'indirizzo desiderato.

 

Il partenariato del commercio

Dopo l'istituzione nel 1998 dell'Osservatorio Nazionale, seguito nel 2002 da quello Regionale, l'Amministrazione di Cremona, probabilmente prima in Italia, ha concordato con i rappresentanti di ASCOM e Confesercenti, nell'autunno del 2005, il proprio Osservatorio che si sviluppa in un Laboratorio di progettazione partecipata (di seguito chiamato Laboratorio), un tavolo di concertazione permanente, uno strumento coordinato di monitoraggio dell'intera rete distributiva comunale, allo scopo di cogliere con tempestività i cambiamenti, le aspettative e le problematiche del commercio nonché le modalità di interazione con l'intero sistema territoriale.
L'istituzione del Distretto del Commercio nel centro storico di Cremona è un passaggio strategico e fondamentale per l'evoluzione della gestione nel tempo e nello spazio del Distretto stesso.