Progetto "Mousikè"

Versione stampabileVersione PDF

Il progetto Mousikè costituisce un percorso musicale articolato e complesso, sostenuto dall'Assessorato alle Politiche Educative e della Famiglia del Comune di Cremona, con l'apporto della Fondazione Stauffer e della Scuola secondaria di primo grado M.G. Vida.
E' un percorso interistituzionale che attraverso percorsi laboratoriali tematici mirati coinvolge i bambini delle scuole primarie della città e con il laboratorio orchestrale vuole offrire a tutti i bambini e ragazzi della fascia 8-18 anni la possibilità di suonare insieme in un'orchestra. L'orchestra giovanile Mousikè in particolare ha registrato un costante e notevole miglioramento, sia in termini numerici che artistici.

Finalità
Obiettivo generale del progetto è quello di giungere alla costruzione di un sistema integrato di interventi in campo musicale, rivolti a varie fasce di popolazione scolastica nel comune di Cremona e nell'area del distretto cremonese, e finalizzato a promuovere la pratica musicale (in particolare la musica d'assieme e il canto orale) come momento educativo, in grado di favorire il benessere degli studenti e di prevenire le situazioni di disagio e dispersione.

IL PROGETTO

Laboratori tematici
La proposta si articola su laboratori condotti da esperti e finalizzati ad attività di ascolto guidato, costituzione di cori e la preparazione di rappresentazioni finali, scritte o adattate appositamente dal gruppo di docenti dell'orchestra giovanile Mousikè e da mettere in scena con l'aiuto dell'orchestra stessa.
Le attività di laboratorio rappresentano per ciascuna delle scuole coinvolte un ampliamento dell'offerta curriculare (come previsto dagli articoli 8 e 12 del D.P.R. 8 marzo 1999, n. 275 e dal Decreto ministeriale n. 47 del 13 giugno 2006 - vedi la sezione "Riferimenti normativi").
I laboratori tematici vengono aggiornati ogni due anni con nuove proposte e nuovi obiettivi.

Obiettivi
- Avvicinare i bambini all'ascolto e alla comprensione della musica, attraverso l'uso della voce nell'ambito di una attività corale che affronti anche repertori a loro poco conosciuti, come le arie e i duetti tratti dalla letteratura musicale operistica;
- creare corrispondenze tra il linguaggio musicale e il linguaggio scritto;
- potenziare le capacità di attenzione e concentrazione durante l'esecuzione musicale;
- incentivare la partecipazione agli eventi musicali;
- avviare eventualmente gli alunni partecipanti allo studio di uno strumento.

Metodologia
La modalità laboratoriale è caratterizzata dal lavoro in rete che assicura:
- una pluralità di professionalità - docenti di musica e docenti curriculari;
- diverse opportunità attraverso i vari laboratori;
- prospettive che concordano in un unico obiettivo comune.

Organizzazione
I laboratori spaziano da obiettivi legati all'ascolto guidato al canto orale, attività che possono trovare continuità nella didattica quotidiana e possono essere proseguite dai docenti delle scuole stesse.
L'esperienza dei laboratori nelle scuole costituisce una delle principali fonti di incremento degli iscritti al corso musicale della Scuola secondaria di primo grado Vida e di conseguenza all'orchestra giovanile: i bambini vivendo in prima persona le importanti e significative esperienze di musica d'insieme del progetto Mousikè, talvolta collocate all'interno di importanti manifestazioni dove loro diventano protagonisti, sono incentivati, insieme alle loro famiglie, a proseguire l'esperienza musicale. A Cremona la SMIM "Vida" e l'Orchestra giovanile Mousikè, come anche il nuovo Liceo musicale Stradivari, ben rappresentano lo spazio istituzionale dove la musica sperimenta la propria universalità in quanto sono realtà aperte a tutti, senza vincoli elitari di selezione.

Orchestra giovanile Mousikè
Il progetto trae origine dall'esperienza dei corsi sperimentali ad indirizzo musicale avviati all'interno della scuola secondaria di primo grado Vida. Il progetto nella sua globalità ha permesso il raggiungimento di importanti obiettivi istituzionali.
La collaborazione infatti tra la scuola e l'Orchestra giovanile Mousikè ha portato ad un ulteriore aumento degli iscritti sia all'orchestra stessa (più di 70) che al corso musicale della SMIM. La Direzione scolastica regionale infatti, per far fronte alle numerose richieste, ha raddoppiato le cattedre di strumento musicale.

Obiettivi
Gli obiettivi trasversail pensati per gli allievi sono:
- acquisire la capacità di utilizzare in altri ambiti il metodo acquisito per lo studio dello strumento musicale;
- acquisire la capacità di osservazione che permette di cogliere quelle sfumature che consentono, attraverso una buona impostazione, di trasformare un gesto in un bel suono;
- acquisire il piacere e la conseguente valorizzazione da parte dell'allievo rispetto a ciò che sta facendo;
- generare dinamiche relazionali positive attraverso l'esperienza della musica d'insieme sia con piccoli che con grandi gruppi;
- comprendere l'importanza e la conseguente gratificazione offerte dall'esperienza della musica d'assieme, dove l'alunno impara a rapportarsi in modo corretto con i compagni e a sviluppare quel giusto equilibrio tra pazienza e capacità di farsi valere, essenziali per la vita di ogni persona.
In generale, lo studio dello strumento non ha come unico fine l'acquisizione di abilità tecniche, ma concorre a promuovere la formazione globale dell'alunno, offrendogli occasioni di maturazione logica, espressiva e comunicativa, di consapevolezza della propria identità, ponendosi quindi l'obiettivo di renderlo autonomo nelle scelte della condotta e nelle decisioni personali, sia nel presente che nel futuro.
Nello specifico, gli obiettivi di apprendimento sono:
- conoscere, comprendere e saper applicare il linguaggio musicale in relazione allo strumento;
- utilizzare correttamente lo strumento attraverso l'impostazione delle mani, l'uso delle articolazioni secondo criteri stabiliti, la ricerca del suono;
- saper curare e progettare il gesto (trasformazione del pensiero di un gesto in un'azione sullo strumento);
- saper eseguire un brano musicale con il proprio strumento, applicando le regole sia tecniche che teorico/musicali all'esecuzione (impostazioni delle mani, uso corretto delle articolazioni e della diteggiatura, riconoscimento delle note e del loro valore, applicazione delle dinamiche e dei colori).

Metodologia
La metodologia laboratoriale prevede la realizzazione di contesti efficaci dal punto di vista della relazione, dei luoghi, degli strumenti e dei materiali usati per lo sviluppo dei processi formativi.
Gli esiti prodotti risultano essere significativamente rilevanti e caratterizzati da situazioni formative operative, dove la competenza da acquisire è il risultato di una pratica, di una riflessione e di una interiorizzazione del processo di apprendimento. Tale didattica presuppone l'uso della metodologia della ricerca, pertanto il laboratorio orchestrale non solo costituisce uno spazio fisico attrezzato in maniera specifica ai fini di una determinata produzione, ma è luogo di progettazione, sperimentazione, attraverso la fantasia e la creatività di allievi e docenti.

Organizzazione
Nell'ambito dell'orchestra sono previste parti per gli strumenti:
Chitarra - Pianoforte - Clarinetto - Saxofono - Tromba - Corno - Trombone - Percussioni - Flauto Traverso - Violino - Violoncello - Viola Contrabbasso - Oboe
I docenti dell'orchestra sono gli stessi dei corsi musicali della SMIM "M. G. Vida"; l'organico si completa con gli insegnanti di quegli strumenti che non rientrano tra quelli inseriti nel corso musicale.
Parallelamente al laboratorio orchestrale possono essere attivati corsi di strumento per principianti che, una volta consolidati, diventano parte integrante dell'orchestra.
Il repertorio, personalizzato dai docenti dell'Orchestra, per le esigenze dei singoli gruppi strumentali o per i singoli elementi, spazia dalla letteratura musicale classica a quella più moderna e vicina ai gusti delle giovani generazioni.

Docenti
Gianluigi Bencivenga - clarinetto
Corrado Braga - chitarra
Andrea Del Vecchio - flauto
Paolo Garilli - pianoforte
Federico Lugarini - violoncello
Alberto Venturini - sax
Merita Zeneli - violino.

PROGRAMMA DELL'ATTIVITA'

Orchestra giovanile Mousikè L'attività dell'orchestra si articola in 4 lezioni mensili, di cui 2 di prove a sezioni strumentali e 2 con l'orchestra al completo. Ogni lezione ha la durata di un'ora e mezza. Le lezioni iniziano in ottobre e durano per tutto l'anno scolastico. Giorni e orari sono stabiliti dall'insegnante con il gruppo di allievi. L'Orchestra corona il proprio lavoro con la partecipazione, ogni anno, a numerose esibizioni pubbliche, in occasione anche di eventi musicali importanti.

Laboratori tematici I laboratori tematici vengono aggiornati ogni due anni con nuove proposte e nuovi obiettivi e la durata dei laboratori varia a seconda del laboratorio previsto.

Destinatari del servizio: 

Laboratori tematici
Alunni delle classi quarte delle scuole primarie della città (ogni anno aderiscono circa 18 classi quarte per un totale di circa 450 alunni), con estensione alle classi quinte delle scuole primarie, che si autofinanziano il progetto.

Orchestra giovanile Mousikè
Ragazzi dagli 8 ai 18 anni che hanno desiderio di cimentarsi nello studio di uno strumento musicale.

Come accedere al servizio: 

Le iscrizioni vengono raccolte ogni anno nel mese di settembre, sulla base di un apposito bando distribuito nelle scuole cittadine. Nel caso il numero delle domande superi quello dei posti disponibili è prevista una selezione.

SEDE:

presso Scuola secondaria di primo grado Vida - rivolgersi al prof. Gianluigi Bencivenga.

Via S. Lorenzo, 4

26100 Cremona

tel. 334 917995 (Gianluigi Bencivegna)

e-mail: profgianluigibencivenga@gmail.com

Costo del servizio: 

Per la partecipazione al laboratorio orchestrale e ai corsi di strumento è richiesta una quota di iscrizione pari a € 200,00 annuali, comprensivi dei materiali didattici e assicurazione.