Agenzie d'affari

Versione stampabileVersione PDF

Per agenzie d'affari si intende un'impresa organizzata che si offre come intermediaria nella gestione o trattazione di affari altrui, prestando la propria opera a chiunque ne faccia richiesta, con l'esclusione di quelle attività di intermediazione che siano già soggette ad una specifica disciplina (es. agenzie di viaggi, agenzie immobiliari).

Rientrano tra le agenzie d'affari le seguenti attività:

- Abbonamenti a giornali e riviste
- Informazioni commerciali
- Allestimento ed organizzazione di spettacoli
- Organizzazione di mostre ed esposizioni di prodotti, mercati e vendite televisive
- Collocamento complessi di musica leggera
- Organizzazione di congressi, riunioni, feste
- Compravendita di autoveicoli e motoveicoli usati a mezzo mandato o procura a vendere
- Organizzazione di servizi per la comunità, ovvero ricerca di affari o clienti per conto di artigiani, professionisti e prestatori di mano d'opera
- Compravendita - esposizione di cose usate od oggetti d'arte o di antiquariato su mandato di terzi
- Prenotazione e vendita di biglietti per spettacoli e manifestazioni
- Disbrigo pratiche amministrative inerenti il rilascio di documenti o certificazioni
- Pubblicità
- Disbrigo pratiche infortunistiche e assicurative
- Raccolta di informazioni a scopo di divulgazione mediante bollettini o simili mezzi
- Disbrigo pratiche inerenti le onoranze funebri
- Spedizioni
- Gestione e servizi immobiliari

Elenco attività di Agenzia non di competenza del Comune:
- Recupero crediti: Questore
- Pubblici incanti: Questore
- Matrimoniali: Questore
- Pubbliche relazioni: Questore
- Scommesse (art.88 TULPS): Questore
- Viaggio e turismo (legge 217/1983): Provincia
- Stampa (legge 416/81): Registro nazionale della stampa
c/o Presidenza Consiglio dei Ministri
- Disbrigo pratiche automobilistiche e nautiche (legge 264/1991): Provincia
- Immobiliare (legge 39/1989): Ruolo mediatori - Camera di Commercio
 

Come accedere al servizio: 

Per aprire un'agenzia d'affari è necessario presentare una segnalazione di avvio attività (SCIA), utilizzando l'apposito modulo.

L'attività può essere iniziata contestualmente alla presentazione della SCIA all'amministrazione comunale.

Copia della segnalazione, corredata dalla ricevuta di deposito ricevuta dal Comune, va tenuta esposta in modo visibile al pubblico all'interno dell'esercizio.

Presentando la SCIA bisogna obbligatoriamente allegare le attestazioni e le asseverazioni necessarie, attestanti la sussistenza dei requisiti e presupposti di legge ai sensi delle normative del settore.
Dovrà essere inoltre compilata la tabella delle operazioni e delle tariffe (allegata alla SCIA) e presentato il registro degli affari per la vidimazione da parte dell'ufficio
 

La documentazione deve essere presentata esclusivamente in forma telematica tramite il portale SUAP di impresainungiorno.gov.it.

ATTENZIONE
E' estremamente importante compilare in modo corretto e completo la segnalazione. Le false dichiarazioni comportano la denuncia all'Autorità Giudiziaria con possibili conseguenza penali a carico del dichiarante.

Costo del procedimento: 

Una marca da bollo da € 16.00 per la domanda + una marca da bollo da € 16.00 per l'autorizzazione o licenza

E' previsto anche il pagamento di diritti istruttori - verifica il valore consultando il tariffario.

Il pagamento dei diritti istruttori e delle marche da bollo è possibile direttamente sul portale impresainungiorno, durante la compilazione della procedura (il portale rimanda alla piattaforma pagoPA).