Commercio su area pubblica con posteggio in area mercatale

Versione stampabileVersione PDF

Il commercio su posteggio è quello esercitato nell'ambito di fiere e mercati e comporta la preventiva istituzione del posteggio da parte del Comune.
Dalla sezione approfondimenti più avanti in questa pagina è possibile visionare la scheda informativa sui mercati a Cremona e le relative modalità di funzionamento.

Destinatari del servizio: 

Operatori commerciali su area pubblica e aspiranti tali

Come accedere al servizio: 

Assegnazione di posteggi liberi
L'assegnazione dei posteggi avviene tramite procedura di evidenza pubblica (bando pubblico) ed è effettuata a favore di persone fisiche, società di persone, società di capitali regolarmente costituite o cooperative in possesso dei requisiti di cui all’articolo 20 della legge regionale secondo la graduatoria predisposta dall'Ufficio competente.
La domanda per l'assegnazione dei posteggi deve essere conforme alle modalità previste dal bando comunale pubblicato all'albo pretorio.
Il bando verrà pubblicato all'albo pretorio informatico del Comune per tutto il periodo valido per la presentazione delle domande.

Subingresso
Il trasferimento dell'azienda o di un ramo d'azienda per l'esercizio del commercio su aree mercatali comporta il diritto al trasferimento dell'autorizzazione amministrativa a chi subentra nello svolgimento dell'attività e ad avere la concessione dell'area sede di posteggio, per il periodo residuo, alle medesime condizioni di fatto e di diritto.
L'effettivo trasferimento dell'azienda o di un ramo d'azienda deve essere documentato da copia dell'atto notarile di trasferimento (o scrittura privata autenticata dal notaio).
Il subingresso deve essere comunicato prima dell'inizio dell'attività, e comunque entro quattro mesi dall'avvenuto atto di subentro, pena la decadenza dal diritto di esercitare l'attività del dante causa.
Nei posteggi per i quali sono state determinate le tipologie merceologiche di vendita, il trasferimento dell'azienda può essere effettuato solo per la tipologia merceologica per la quale sono stati rilasciati i titoli originari.
Nei posteggi per i quali non sono state predeterminate le tipologie merceologiche di vendita, il trasferimento dell'azienda deve essere effettuato nell'ambito dello stesso settore merceologico (alimentare o non alimentare). Il trasferimento dell'azienda comporta altresì il trasferimento del punteggio acquisito dal cedente (anzianità di presenza).

Il subingresso mortis causa deve essere comunicato prima dell’inizio dell’attività, e comunque entro un anno dalla morte del dante causa. Nel caso in cui al momento del subentro il subentrante non sia in possesso dei requisiti professionali richiesti dalla legge, può proseguire nell'esercizio dell'attività del dante causa. L'acquisizione del requisito professionale dovrà avvenire entro un anno dalla morte del dante causa. Decorso tale termine senza che il subentrante abbia provveduto a cedere l'azienda o senza che abbia acquisito i requisiti professionali richiesti dalla vigente normativa o senza averne dato comunicazione al Comune, la concessione decade con la conseguente revoca dell'autorizzazione. Le assenze cumulate nei 12 mesi successivi alla morte del de cuius, producono gli effetti previsti ai fini della decadenza dal posteggio.

La documentazione deve essere presentata esclusivamente in forma telematica tramite il portale SUAP di impresainungiorno.gov.it.

ATTENZIONE
E' estremamente importante compilare in modo corretto e completo la segnalazione. Le false dichiarazioni comportano la denuncia all'Autorità Giudiziaria con possibili conseguenza penali a carico del dichiarante.

Assegnazione dei posteggi temporaneamente vacanti
L'assegnazione dei posteggi temporaneamente vacanti, comunemente detta "spunta", è effettuata direttamente dal personale della Polizia Locale, sulla base di un'apposita graduatoria.

Per partecipare alla spunta dovrà essere preventivamente presentata apposita comunicazione tramite il portale SUAP.
L'aggiornamento delle graduatorie di spunta è effettuato al 31 gennaio di ogni anno,con decreto del direttore del servizio competente, cancellando gli operatori che, iscritti almeno dal 1 gennaio del terzo anno precedente a quello in corso, non hanno maturato un numero complessivo di presenze e/o presenze effettive pari alla metà più uno dei mercati svolti nel corso del medesimo triennio.

Carta d'esercizio e Attestazione dei requisiti
Relativamente alla Carta d'esercizio e Attestazione è necessario inoltrare la richiesta di vidimazione via telematica e richiedere il rilascio dell'attestazione annuale dei requisiti; nella sezione approfondimenti di questa scheda è possibile accedere ad una pagina di dettaglio di queste procedure.

Costo del procedimento: 

Per il rilascio dell' autorizzazione: una marca da bollo da € 16.00 per la domanda + una marca da bollo da € 16.00 per l'autorizzazione
Per il subingresso: una marca da bollo da € 16.00

E' previsto anche il pagamento di diritti istruttori - verifica il valore consultando il tariffario.

Il pagamento dei diritti istruttori e delle marche da bollo è possibile direttamente sul portale impresainungiorno, durante la compilazione della procedura (il portale rimanda alla piattaforma pagoPA).

L'operatore dovrà inoltre provvedere al pagamento del Canone di occupazione del suolo pubblico (Plateatico) e della tassa sui rifiuti.

Il riscontro del mancato o non integrale pagamento degli oneri dovuti, fermo restando il recupero coattivo della somma, comporterà l’avvio del procedimento di sospensione della validità della concessione ed alla fissazione di un termine di sette giorni per eventuali osservazioni o controdeduzioni. Scaduto detto termine l’operatore, anche in caso di subingresso nell’azienda/variazione nella titolarità dell’atto, non potrà occupare il posteggio e tale assenza è considerata ingiustificata. Se l’assenza si protrarrà complessivamente per più di quattro mesi nell’anno solare, si procederà alla revoca dell’autorizzazione con conseguente decadenza della concessione del posteggio.