Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (autodichiarazione) da produrre a Pubblica Amministrazione o a Gestori di pubblici servizi

Versione stampabileVersione PDF
Dal 1° gennaio 2012 agli uffici pubblici è vietato rilasciare certificati da esibire ad altre pubbliche amministrazioni.
Pertanto gli uffici comunali dello stato civile e di anagrafe possono rilasciare i certificati soltanto per uso privato; sugli stessi sarà apposta, a pena nullità, la dicitura "il presente certificato non può essere prodotto agli organi della Pubblica Amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi".
La normativa vigente (*) infatti obbliga la Pubblica Amministrazione e i gestori di servizi pubblici ad accettare (e pertanto a richiedere) , in sostituzione dei certificati anagrafici e di stato civile, l'autocertificazione oppure, a seconda dei casi, una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà.

(*) Legge 12 novembre 2011 n. 183 "Legge di stabilità 2012"
Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 "Testo Unico in materia di documentazione amministrativa"

 

Le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà sono dichiarazioni rese dall'interessato in merito a stati, fatti e qualità personali non compresi nell'elencazione dell'autocertificazione (vedi sezione "link esterni" di questa scheda).
Queste dichiarazioni non possono comunque andare al di là dell'attestazione della conoscenza da parte dell'interessato.

Per i cittadini non appartenenti alla Comunità Europea la possibilità di effettuare le autodichiarazioni è limitata ai residenti in Italia e solo per quei fatti, stati e qualità personali certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici o privati italiani.

La dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da produrre a Pubblica Amministrazione non necessita di autentica di firma, ma una volta sottoscritta, deve essere allegata una fotocopia di un documento di identità valido del sottoscrittore.

Nell'autodichiarazione deve essere indicata la disponibilità all'uso dei dati personali da parte dell'Amministrazione Pubblica per i fini per cui è inoltrata come previsto dal Decreto Legislativo 196/2003 "Codice Privacy".

 

 

Riferimenti Normativi

Importanti modifiche che semplificano le procedure riguardanti gli atti amministrativi sono state accorpate nel D.P.R. 28/12/2000 n. 445.

 

Come accedere al servizio: 

In questa scheda sono inseriti i moduli relativi alle casistiche più ricorrenti di autodichiarazione; riportiamo anche un modulo generico utilizzabile per qualsiasi tipo di necessità.

Costo del servizio: 

L'autodichiarazione è sempre gratuita.

Altri percorsi di navigazione
Mi Interessa