Sale comunali: Sala Rodi

Versione stampabileVersione PDF
26100 Cremona CR
Tel. 0372 407269
responsabile del procedimento

La Sala Rodi è situata all'interno del Centro Culturale Città di Cremona - S. Maria della Pietà.

La Sala Rodi è generalmente utilizzata per conferenze, mostre, dibattiti ed attività di spettacolo che non prevedono l'uso di scene e/o camerini; ha una capienza di 120 posti ed è dotata di palco ed impianto microfonico.

Nel periodo di campagna elettorale e referendaria la Sala Rodi può essere utilizzata, dai soggetti politici che concorrono, per la realizzazione di iniziative di propaganda.

Il personale comunale provvede alle pulizie ed alla assistenza elettrica per quanto riguarda le strutture fisse in dotazione alle singole sale.

Destinatari: 

Tutti i cittadini, singoli o associati.

Come accedere alla struttura: 

E' necessario presentare la richiesta, almeno 10 giorni prima della data della manifestazione, utilizzando l'apposito modulo disponibile sullo Sportello telematico . Eventuali richieste presentate con un preavviso inferiore ai 10 giorni previsti devono indicare le motivazioni di urgenza della richiesta.

Sulla richiesta è necessario indicare la natura giuridica del richiedente, il tipo di manifestazione, date o orari.

Nella domanda il richiedente sottoscrive una dichiarazione per cui è obbligato a risarcire gli eventuali danni arrecati alla sala. La concessione delle sale è indipendente rispetto a tutte le autorizzazioni che il richiedente dovrà inoltrare agli uffici competenti per l'organizzazione della manifestazione (SIAE, licenza di pubblico spettacolo ecc.).

Le richieste sono soddisfatte fatta salva la priorità delle iniziative promosse dall'Amministrazione Comunale. L'Amministrazione si riserva la facoltà di revocare eventuali concessioni in caso di forza maggiore ed in relazione all'eventuale convocazione dei comizi elettorali.

Le domande per l'allestimento di mostre di artisti viventi devono essere inoltrate entro il 30 ottobre dell'anno precedente. L'utilizzo delle sale per mostre di artisti viventi è regolamentato in modo diverso rispetto agli altri utilizzi delle sale; è stata istituita una Commissione che ha il compito di formulare un parere obbligatorio, ma non vincolante sulle domande inoltrate. La Commissione, entro il 30 novembre di ogni anno, esprime il parere e lo trasmette al Sindaco; la Giunta Comunale, entro il 31 dicembre di ogni anno, approva il calendario delle mostre di artisti viventi che possono essere allestite nelle sale comunali l'anno successivo.

Costo di accesso alla struttura: 

La concessione delle sale è subordinata al pagamento della tariffa. Il pagamento può essere effettuato:

  • presso gli sportelli del concessionario I.C.A-ABACO S.p.A. (vedi sezione "Link esterni" di questa scheda).
  • in posta utilizzando il bollettino di conto corrente postale (c/c "entrate patrimoniali") con causale: Settore Affari Culturali e Museali - Gestione Sale Comunali e estremi della fattura (vedi sezione "Link esterni" di questa scheda).

Per consultare il tariffario in vigore, vedi sezione "Link esterni" di questa scheda.

Le tariffe variano in base a:

  • natura giuridica del richiedente;
  • durata della manifestazione;
  • eventuale riscaldamento della sala.

Sulla base di queste variabili viene stabilita la tariffa. L'uso della sala per eventuali allestimenti, smantellamenti e/o prove non è compreso nella tariffa; il richiedente è tenuto a specificare le fasce orarie nelle quali intende fare utilizzo della sala, compresi gli usi di cui sopra, per i quali è tenuto al pagamento della relativa tariffa. Nel caso in cui venga stabilita la fascia oraria che termina alle ore 24, è concessa un'ora ulteriore per le eventuali operazioni di smantellamento.

Se richiesto, il servizio di assistenza per l'uso eventuale degli impianti di amplificazione e di registrazione prevede il pagamento degli oneri previsti per tale servizio.