L'agenda digitale lombarda a Cremona: reti e servizi per l'innovazione e lo sviluppo

Versione stampabileVersione PDF

La presenza della banda larga è per un territorio il prerequisito per favorire crescita e progresso di cittadini ed imprese. Con questa mission è nata e si è sviluppata negli anni Aemcom, che oggi ha promosso a Cremona un incontro pubblico quale elemento di prima rendicontazione delle sperimentazioni di servizi a banda ultra larga che la Regione Lombardia ha effettuato in città negli scorsi mesi. Il convegno "L'agenda digitale lombarda, reti e servizi per l'innovazione e lo sviluppo", ha visto la partecipazione ed intervento, presso la sala Rodi del Centro Culturale Santa Maria della Pietà di Cremona, di Oreste Perri, Sindaco di Cremona, Massimiliano Salini, Presidente della Provincia di Cremona, Gianni Ferretti, Prorettore del Polo territoriale di Cremona del Politecnico di Milano, Carlo Maccari, Regione Lombardia, Assessore alla Semplificazione e Digitalizzazione, Daniele Crespi, Dirigente Lombardia Informatica, Simona Mariani, Direttore Generale Ospedale di Cremona, Pierpaolo Beluzzi, Magistrato - Responsabile progetto DIGIT, Carolina Cortellini Lupi, del Consorzio CRIT, che rappresenta il costituendo consorzio di imprese cremonesi attive nell'ICT, un nuovo Polo Tecnologico che mette al centro le opportunità della rete.

L'incontro ha messo in luce alcuni elementi della sperimentazione di servizi innovativi dell'Agenda Digitale Lombarda (ADL), iniziativa di Regione Lombardia per indirizzare e sostenere la crescita dell'innovazione tecnologica.

"Cremona può vantare una delle reti digitali più avanzate d'Italia e all'interno del progetto dell'Agenda Digitale Lombarda stiamo lavorando oggi per popolare queste autostrade digitali di contenuti e servizi per cittadini ed imprese", ha sottolineato Oreste Perri, Sindaco di Cremona. "E' necessario, come sta già avvenendo con grande collaborazione, che gli attori rappresentativi di un territorio, pubblici e privati, lavorino in sinergia per sfruttare al massimo le opportunità messe a disposizione dalle tecnologie informatiche. Il Comune è impegnato in prima linea nella promozione ed applicazione di servizi innovativi, strumenti essenziali per una moderna ed efficace relazione con la cittadinanza".

"I nuovi servizi digitali offrono enormi potenzialità di dialogo e comunicazione per le persone e le imprese, e sotto questo punto di vista il territorio di Cremona rappresenta un laboratorio straordinario che propone interessanti stimoli. Grazie all'azione di diversi soggetti tra cui il Politecnico ed Aemcom oggi tutto il territorio della nostra Provincia è raggiunto da internet veloce e questo rappresenta un notevole miglioramento infrastrutturale per l'intero territorio: la rete è infatti uno straordinario elemento di inclusione e sviluppo economico al servizi di tutti. Ma questo non è un traguardo ma un importante trampolino di lancio." Ha aggiunto Massimiliano Salini, Presidente della Provincia di Cremona. Carlo Maccari, Assessore alla Semplificazione e Digitalizzazione della Regione Lombardia ha sottolineato: "Le nuove tecnologie costituiscono un motore di sviluppo irrinunciabile, che si traduce in una maggiore competitività delle imprese e in una migliore qualità della vita per i territori: Regione Lombardia, attraverso l'iniziativa dell'Agenda Digitale, ha puntato sulla diffusione di servizi innovativi per consentire una migliore inclusione dei cittadini. I progetti sperimentati a Cremona costituiscono un rilevante punto di partenza per l'adozione di soluzioni per il superamento del digital divide infrastrutturale e culturale nell'intera Regione. Un plauso particolare quindi a questo territorio ed alla sua eccellenza ICT".

Ed Aemcom, oltre che promotore dell'iniziativa e delle mostre "Cremona digitale, reti e servizi per l'innovazione "e "Angeli Demoni Eroi in Cremona digitale" presso Santa Maria della Pietà, è il primo partner per la pubblica amministrazione e le imprese: "Nonostante ci sia ancora molto da fare, Cremona è ormai un'eccellenza a livello nazionale per la disponibilità di una rete a fibre ottiche che poche altre realtà possono vantare, una grande opportunità per cittadini e aziende - sono le parole del Presidente di Aemcom, Mirko Grasselli che ha aggiunto - Grazie all'azione di Aemcom e il supporto convinto delle amministrazioni locali, la nostra città negli ultimi dieci anni ha fatto grandi progressi nell'adozione delle nuove tecnologie: puntiamo a proseguire in questo significativo progetto di sviluppo, contribuendo alla diffusione dei servizi digitali e al continuo ammodernamento di Cremona. Il Consorzio CRIT Polo Tecnologico di Cremona è un bellissimo segnale in questa direzione".

Gerardo Paloschi, Direttore Generale di Aemcom ha concluso: "Nella competizione tra territori oggi Cremona può giocare un vantaggio competitivo importante rappresentato dalla sua vocazione digitale. Una vocazione che poggia su quattro pilastri di grande solidità: le reti e le infrastrutture digitali di livello europeo, la presenza del Politecnico di Milano, l'esistenza di un gruppo importante di aziende cremonesi dell'ICT che hanno deciso di "fare squadra" e una pubblica amministrazione locale e regionale convinta sulla necessità di puntare sulla crescita digitale." Al termine dell'incontro sono state inaugurate le due mostre "Cremona digitale, reti e servizi per l'innovazione", che racconta il percorso della città per dotarsi di una rete avanzata e i risultati ad ora conseguiti, e "Angeli Demoni Eroi in Cremona digitale", mostra fotografica con opere di Antonio Leoni.

Condividi o salva tra i preferiti

Tipologia
News
Categoria di News
Percorsi di navigazione
Mi Interessa