Illustrata la fase partecipativa per costruire la Variante Generale al Piano di Governo del Territorio

Versione stampabileVersione PDF

La Giunta ha approvato l'avvio della fase di partecipazione pubblica per la costruzione della Variante Generale al Piano di Governo del Territorio (PGT) ed ha stabilito di sviluppare una modalità di partecipazione (consultazione pubblica) ampia e chiara, specificando la finalità della consultazione che verrà avviata, i modi di partecipazione, i criteri di valutazione dei contributi che eventualmente verranno proposti.

E' stato così approvato l'elaborato "Partecipazione pubblica alla costruzione della Variante generale al PGT" che raccoglie e presenta la modalità sopra riportata proponendo, quale riferimento, un'utile sintesi degli obiettivi delle Linee Programmatiche già approvate il 18 novembre 2010, esplicitando i termini generali della consultazione pubblica; delineando i contenuti ed i termini dell'avviso, nel quale si darà comunque atto anche dell'avvio del procedimento di redazione della Variante Generale al PGT; definendo i criteri di valutazione delle istanze che perverranno al Comune.

La Variante Generale del Piano di Governo del Territorio consiste in un processo articolato e complesso che, attraverso il coinvolgimento dei cittadini, dei protagonisti del mondo economico, associativo e dei corpi intermedi, consentirà di disegnare insieme la città di domani.
La variante al PGT si è resa necessaria per accompagnare e mettere in relazione le trasformazioni che si stanno realizzando, alla luce della nuova idea di città che l'Amministrazione ha proposto ai cittadini e che con tenacia e determinazione sta attuando pur nella limitatezza delle risorse economiche a disposizione.

Per presentare le linee programmatiche, i termini generali della partecipazione pubblica alla costruzione della variante, nonché i criteri di valutazione delle istanze che perverranno al Comune, si è svolto questo pomeriggio un incontro pubblico al Teatro Monteverdi, nel corso del quale, dopo il saluto del sindaco Oreste Perri, il vice sindaco ed assessore all'Urbanistica Carlo Malvezzi ha illustrato i macro obiettivi (messa in rete e recupero del ruolo di leadership di Cremona rispetto al suo territorio, piena e concreta attuazione del principio di sussidiarietà, innalzamento della qualità urbana e della qualità della vita), concludendo con un invito a fare pervenire proposte perché "la città ha bisogno di una scossa, di uno scatto d'orgoglio e l'Amministrazione non suonerà una partitura già scritta, ma ascolterà una polifonia di voci", Federico Fasani, presidente della Commissione consiliare per le Politiche Urbanistiche, si è soffermato sulle linee programmatiche, descrivendo gli obiettivi, ed infine il prof. Pier Luigi Paolillo - coordinatore scientifico dell'Ufficio di Piano per la redazione della Variante Generale al PGT - ha spiegato ai numerosi presenti la parte metodologica, in particolare come è stato costruito il modello di consultazione pubblica.

Maggiori informazioni

Tipologia
News
Categoria di News
Percorsi di navigazione
Mi Interessa