Per ricordare Elda Fezzi

Versione stampabileVersione PDF

Domenica 21 ottobre 2001 alle ore 11 nel viale degli Artisti del Cimitero Monumentale di Cremona, alla presenza delle autorità cittadine, sarà scoperta una stele opera di Margherita Serra, dedicata ad ELDA FEZZI. Il pomeriggio alle ore 15.30, nella Sala Puerari del Museo Civico ALA PONZONE, si terrà un convegno di Studi in onore di ELDA FEZZI sul tema: "LA SCULTURA OGGI". Introduzione di TIZIANA CORDANI.

Relatori:

LUCIANO CARAMEL: "Per una scultura come lingua viva"

MAURO CORRADINI: "La scultura nella età delle avanguardie"

Sono previsti interventi degli scultori:

FLORIANO BODINI

MARGHERITA SERRA

MAURO STACCIOLI

Alle ore 17.30, a IL TRIANGOLO - Circolo Culturale - di vicolo della Stella 14 (Piazza Filodrammatici) verrà inaugurata una mostra con opere di: FLORIANO BODINI - MARGHERITA SERRA - MAURO STACCIOLI.

La mostra resterà aperta dal 21 ottobre al 7 novembre 2001. Orari: 16,30-19,30. Chiuso il lunedì.

Tel. 0372 32291/28574 Fax 037238350

BREVE BIOGRAFIA DI ELDA FEZZI

"........... ELDA FEZZI rappresenta una di quelle rare figure che hanno attraversato l'ultimo trentennio di storia e cultura con lucidità e coerenza critica. .............."

Così scrive Mauro Corradini nel catalogo della mostra "ATTRAVERSO L'IMMAGINE. Pagine del 900 nelle riflessioni critiche di Elda Fezzi." nel 1995.

Elda Fezzi è stata non solo una presenza importante nel panorama italiano della critica d'arte, ma anche una straordinaria insegnante di lettere delle Scuole Superiori, impegnata ad aprire la sensibilità dei giovani alla cultura, alla bellezza, all'arte, quali elementi essenziali per la loro formazione.

Elda Fezzi è nata il 10 gennaio 1930 a Grafignana di Lodi. Dopo gli studi classici, ha frequentato la Facoltà di Lettere moderne all'Università di Bologna, allieva di Roberto Longhi e Francesco Arcangeli. Si è laureata nel 1953 discutendo la tesi "Rapporti tra cubismo e futurismo nell'arte moderna". Giovanissima è stata assistente di Pallucchini alle Biennali di Venezia del 1954 e 1956. Si è dedicata subito all'insegnamento delle materie letterarie, coltivando parallelamente l'interesse per la critica d'arte. Nel 1954 ha iniziato la sua collaborazione con il quotidiano "La Provincia" durata fino alla sua scomparsa. Ha vinto nel 1958 e nel 1960 il 1º Premio per la critica alla Biennale di Venezia ed altri due importanti primi premi nel 1962 e 1965. E' stata per molti anni Membro Societaire dell'AICA (Associazione Internazionale Critici d'Arte). Iscritta dal 1962 all'albo dei giornalisti, ha collaborato a riviste specializzate in Italia ed all'estero con studi, saggi e recensioni. Tra la sua ampia e qualificata produzione critica è da segnalare:

1956: Carlo Carrà, saggio.

1960: Incontro con Morandi, saggio.

Cremona in: "Città e paesi d'Italia".

1961: Alberto Giacometti, saggio.

1963: Enciclopedia "Le Muse", De Agostini Editore, collaborazione.

1965: "I pittori Americani", De Agostini Editore, collaborazione.

1967: Renoir, 1º volume, "I maestri dell'Impressionismo".

Archipenko, monografia.

1968: Renoir, Diamanti dell'Arte.

1971: Henry Moore, Sansoni Editore.

1972: Renoir - Periodo Impressionista - Rizzoli Editore.

1973: Umberto Boccioni - I maestri del Disegno.

1974: "Noa Noa il primo viaggio a Tahiti di Paul Gauguin", Rizzoli Editore (con Fiorella Minervino).

1977: "Medardo Rosso e la monumentalità esclusa", in "Società Belle Arti", Milano.

1980: Paul Gauguin, Collana Arte Bur, Rizzoli Louvre per il Touring Club.

1985: "Cremona lo stile di una città", Milano, Alma edizioni.

E' morta a Cremona il 21 febbraio 1988.

Nel febbraio del 1994 esce postumo a cura dell'Assessorato alla Cultura della Provincia di Cremona il volume: "Medardo Rosso, scritti e pensieri, 1889-1927", Edizioni Turris, Cremona.

Tipologia
News
Categoria di News
Percorsi di navigazione
Mi Interessa