Per l'emergenza smog da martedì 22 gennaio 2002 blocco della circolazione

Versione stampabileVersione PDF

Visto l'articolo 7 del Codice della Strada, con il quale si da' facoltà
ai Comuni, con ordinanza del Sindaco, di limitare la circolazione
veicolare sulle strade comunali di tutte o di alcune categorie di
veicoli per accertate e motivate esigenze di prevenzione degli
inquinamenti; richiamata la deliberazione della Giunta Regionale della
Lombardia concernente i criteri e le procedure per il contenimento e la
prevenzione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico; vista la
nota dell' A.R.P.A. Dipartimento di Cremona del 21 gennaio 2002, con la
quale viene notificato il raggiungimento del 18° giorno di stato
d'attenzione/allarme dell'inquinante Polveri frazione PM 10; visto il
contenuto della stessa deliberazione della Giunta Regionale che prevede
che l'Autorità competente può anticipare i provvedimenti di blocco del
traffico in considerazione dell'opportunità di incrementare l'azione
preventiva, valutato l'andamento del livello raggiunto dall'inquinante e
le condizioni meteorologiche attese; considerato il perdurare dello
stato di attenzione/allarme per l'inquinante PM 10 dal giorno 4 gennaio
2002; considerato che dalle previsioni meteorologiche, non si prevede un
miglioramento della qualità dell'aria per i prossimi giorni, il sindaco
questo pomeriggio ha firmato l'ordinanza con la quale, a partire dalle
ore 8,00 e sino alle ore 20,00 del giorno di martedì 22 gennaio 2002 e
seguenti nei medesimi orari, sino a revoca si stabilisce che il blocco
del traffico di tutti i veicoli non adibiti a servizio pubblico con
esclusione di quelli ad emissione nulla (motore elettrico).

Non si applica il divieto di circolazione:

- ai tratti autostradali, alle strade statali e provinciali ricadenti
nel territorio comunale;

- ai tratti di strade di collegamento tra gli svincoli autostradali ed i
parcheggi posti in corrispondenza delle stazioni periferiche dei mezzi
pubblici;

- ai veicoli delle Forze di Polizia, delle Forze Armate, dei Vigili del
Fuoco e dei Corpi e Servizi Polizia Municipale e Provinciale;

- agli autoveicoli di pronto soccorso; ai mezzi di pubblico trasporto;
ai taxi ed alle autovetture di noleggio con conducente; agli autoveicoli
utilizzati per il trasporto di portatori di handicap muniti del relativo
contrassegno; alle autovetture targate CD e CC; ai veicoli appartenenti
a soggetti pubblici e privati che svolgono funzioni di pubblico servizio
o di pubblica utilità; agli autoveicoli adibiti al trasporto di effetti
postali purché contraddistinti dal contrassegno PT; ai veicoli di medici
e di medici veterinari in visita domiciliare urgente muniti di apposita
autorizzazione annuale rilasciata dall'Ufficio Permessi del Comando di
Polizia Municipale o in alternativa del contrassegno dell'Ordine dei
medici o della tessera d'iscrizione all'Ordine;

- ai veicoli utilizzati da personale addetto ai servizi di pubblica
utilità diretti e provenienti dalla sede lavorativa, anche se attivati
fuori dai normali turni di lavoro, in servizio di reperibilità;

- ai veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie
indispensabili ed indifferibili per la cura di gravi malattie, in grado
di esibire relativa certificazione medica, e ai veicoli utilizzati
durante l'espletamento di assistenza domiciliare, purchè muniti di
apposita autorizzazione annuale rilasciata dall'Ufficio Permessi del
Comando di Polizia Municipale ;

- ai veicoli dei residenti e delle persone alloggiate presso alberghi
situati all'interno dell'area interdetta alla circolazione;

- ai mezzi d'opera e veicoli utilizzati da imprese edili ed artigianali
impegnate in attività di installazione e manutenzione di impianti,
nonché veicoli operativi intestati ad attività commerciali, utilizzati
per le consegne a domicilio.

Questi veicoli sono tenuti a raggiungere la destinazione percorrendo
l'itinerario più breve. rispetto al perimetro dell'area interdetta al
transito e le citate operazioni dovranno essere svolte negli orari
previsti dall'Ordinanza Generale sulla circolazione stradale nel Comune
di Cremona, ovvero dalle ore 07.00 alle ore 11.00 e dalle ore 13.00 alle
ore 17.00, fatte salve eventuali ulteriori deroghe attribuite con
specifica autorizzazione;

- ai veicoli utilizzati per l'approvvigionamento merci delle attività
commerciali ubicate all'interno dell'area interdetta alla circolazione,
limitatamente alle seguenti fasce orarie: 08.00-09.30 e 15.00-16.00.
- ai veicoli diretti al parcheggio delimitato dalle apposite transenne
di piazzale della Croce Rossa, con accesso da via Mantova (altezza
civico 8);

- ai veicoli diretti al parcheggio La Marmora, con accesso obbligatorio
da piazza Risorgimento - corso Garibaldi, solo se il parcheggio ha posti
liberi opportunamente segnalati;

- ai veicoli diretti al parcheggio S. Tecla limitatamente da via
Massarotti ­ via S. Tecla;

- ai veicoli diretti agli asili nido, alle scuole dell'infanzia, alle
scuole elementari sino alle ore 8,30;

- agli ambulanti mercatali in uscita dalla zona chiusa al traffico;

le deroghe previste dalla presente Ordinanza ove maggiormente
favorevoli, non estendono comunque la validità delle deroghe previste
dall'Ordinanza generale sulla circolazione stradale nel comune di
Cremona, ovvero dalle singole autorizzazioni precedentemente rilasciate.

i citati veicoli autorizzati sono comunque tenuti a raggiungere la
destinazione percorrendo l'itinerario più breve rispetto al perimetro
dell'area interdetta alla circolazione;

Potranno essere accordate, dalla Polizia Municipale, con appositi
provvedimenti motivati, eventuali ulteriori deroghe al divieto di
circolazione per particolari veicoli e/o per particolari necessità. Non
è prevista la facoltà di avvalersi di autocertificazione.

Il sindaco invita tutta la popolazione a non utilizzare i mezzi di
trasporto privati anche nelle zone non inibite al traffico ed a ridurre
ulteriormente le temperature negli ambienti e gli orari di funzionamento
degli impianti.

L'area inibita al transito e' delimitata dalle seguenti vieVia Giordano,
Via Novati, Via Ippocastani, Via Ghisleri, Via Rialto, Via Mantova, Via
dell'Annona, Via Persico, via Gallazzi, Via Brescia, via S.Bernardo, via
Cimitero, via S. Francesco, via Bergamo, P.zza Risorgimento, Via
Ghinaglia, Via Massarotti, piazza Cadorna.Si precisa che la libera
circolazione dei veicoli sarà consentita limitatamente al senso di
marcia dei veicoli provenienti da P.zza Cadorna e diretti verso Via
Giuseppina, nelle seguenti vie:in Via Giordano nel tratto compreso
dall'intersezione stradale con Via del Sale all'intersezione stradale
con Via Novati, in Via Novati e in Via Ippocastani per tutta
l'estensione delle vieSarà consentito l'accesso in senso opposto di
marcia ai veicoli adibiti a servizi pubblici ed ai veicoli
d'emergenza.In Via Novati, in Via Ippocastani e nel tratto di Via
Giordano compreso dall'intersezione stradale con Via Novati
all'intersezione stradale con Via Mosa, l'accesso sarà consentito anche
ai sopra citati veicoli derogati.Sarà consentito l'accesso alla stazione
ferroviaria e parcheggio ex tranviarie da piazza Risorgimento lungo la
via Dante fino a via Cimitero e dalla via Boschetto ­ via Cimitero.I
veicoli provenienti da viale Po dovranno obbligatoriamente svoltare in
via Lugo, ovvero in viale Po nel tratto compreso dall'intersezione
stradale con via Lugo all'intersezione stradale con piazza Cadorna,
verrà istituito un senso vietato di marcia con direzione obbligatoria
verso la via Lugo per il traffico proveniente da viale Po. Si precisa
che lungo il percorso sono previsti posti di "blocco filtro", alcuni dei
quali presidiati da personale della Polizia Municipale.Si rende noto
altresì che nel caso la segnaletica vigente sia in contrasto con quanto
previsto dal presente provvedimento saranno attuati opportuni interventi
segnaletici coordinati dalla Polizia Municipale.

Tipologia
News
Categoria di News
Percorsi di navigazione
Mi Interessa