Prima iniziativa di formazione a Cremona riservata alle donne

Versione stampabileVersione PDF

Le diverse iniziative di promozione e di sensibilizzazione sul tema
delle pari opportunità sono partite dalla constatazione che Cremona non
è un indistinto agglomerato di persone, bensì un insieme di donne e di
uomini con le proprie specificità e diversità da riconoscere e
valorizzare. Questo ha portato il sindaco ad istituire la delega alle
Pari Opportunità affidandola all'assessore Caterina Ruggeri.

Rispettando gli impegni presi con il seminario promosso all'interno del
Comune sul tema "Tra flessibilità e nuove regole ­ Un equilibrio tra i
tempi di cura, di formazione e di relazione", dopo i primi momenti di
assestamento e di studio della situazione cremonese, cominciano ora a
profilarsi i primi risultati. Tra questi il finanziamento del Ministero
del Lavoro e delle Politiche Sociali, stanziato nell'ambito della legge
riguardante le azioni positive per la realizzazione della parità
uomo-donna nel lavoro, che ha permesso di realizzare un corso di
formazione rivolto alle donne che lavorano in Comune e la cui prima fase
ha preso l'avvio il 18 gennaio a Palazzo Cittanova.

L'intervento, oltre ad essere mirato al bilancio delle competenze, ha
l'obiettivo di favorire il dialogo tra settori diversi, di migliorare la
qualità del lavoro ed il clima all'interno della struttura
amministrativa, innalzando la professionalità delle dipendenti. I
destinatari del corso per l'attività di consulenza sono 201 donne
dipendenti del Comune appartenenti alle categorie D, B e C. Per quanto
riguarda l'attività di formazione specialistica sono circa 50 donne da
individuare tra quelle che hanno partecipato alla fase di consulenza,
che possano rappresentare almeno tre profili professionali diversi sui
quali avviare la sperimentazione.

I risultati attesi da questa iniziativa, che riveste un carattere
fortemente innovativo, sono l'impatto sul contesto organizzativo
dell'Ente in modo da rendere l'organizzazione amica delle esigenze
femminili; la riformulazione dei sistemi di selezione, valutazione e
riconoscimento per valorizzare le competenze e i ruoli delle donne; lo
sviluppo di metodi e modelli mirati ad inserire il lavoro atipico ed il
lavoro part-time nei percorsi di carriera; il rilascio di un bagaglio di
competenze.

L'Assessorato alle Pari Opportunità si sta inoltre attivando per
ricercare finanziamenti regionali, nazionali ed europei che permettano
di avviare altre iniziative di progettazione di azioni positive rivolte
alle dipendenti, soprattutto per quanto riguarda la conciliazione dei
tempi del lavoro e di quelli della vita. Sono attualmente in cantiere
altri progetti in via di definizione.

Tipologia
News
Categoria di News
Percorsi di navigazione
Mi Interessa